Navigazione veloce

AT Varese - via Copelli, 6 - 21100 - Varese - Tel. 0332 257111 - PEC uspva@postacert.istruzione.it - E-mail: usp.va@istruzione.it
Codice Ipa:m_pi - Codice AOO: AOOUSPVA - Codice Univoco per la Fatturazione Elettronica: HKPE39 - CF 80010960120

Verbale conferenza provinciale dei servizi del 30 ottobre 2012

Nuove iscrizioni per as 2013/14, in esubero rispetto alle relative accoglibilità – Criteri di istituto
Formazione provinciale addetti e responsabili della sicurezza nelle scuole
Generazione web Lombardia – misure territoriali di accompagnamento
INVALSI – misure territoriali di accompagnamento
“Cittadinanza e Costituzione” – programma di formazione
Fruizione di ferie nel caso di supplenza breve per il personale docente
Regolamento patrocini Ust

emblema-repubblica-italianaMinistero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio XXI – Varese

Conferenza provinciale di servizio
dei Dirigenti scolastici delle scuole statali aperta ai Responsabili delle scuole paritarie
Varese, 30 ottobre 2012
, ore 9,15 Sala Convegni di Villa Recalcati, Provincia di Varese – Varese

Preliminari
Il Presidente apre la seduta, con richiamo all’andamento dei lavori, che prevede una parentesi fortemente significativa dedicata al commiato di 14 colleghi, cui parteciperanno anche i due assessori provinciali all’istruzione (dr Bonfanti) e all’edilizia scolastica (dr Bottini).

Ringrazia la medesima Provincia ed il relativo Presidente, per l’ospitalità nella prestigiosissima Villa Recalcati di conferenza e cerimonia odierne.

Fa riferimento a verificatesi e preannunciate (da VareseNews) agitazioni di docenti delle scuole secondarie provinciali di stato connesse a proposta governativa iniziale di legge di stabilità 2013, comportant e incremento dell’orario di servizio settimanale di insegnamento da 18 a 24 . Invita i dirigenti alla massima attenzione e disponibilità di confronto per ragioni e dinamiche di tali fibrillazioni che vanno ad impattare su clima e contesto provinciale degli istituti, a partire dal riconoscimento e dalla gratitudine per un impegnodiffusamente alacre e per competenze largamente buone, cui si devono, prevalentemente, i risultati provinciali e regionali di eccellenza negli esiti di apprendimento Invalsi più volte affrontati e pubblicati comunica che a fine novembre verrà condiviso un convegno su stato e prospettive provinciali delle scuole dell’infanzia, preparato e condiviso Ust-Va e Fism-Va

Ridefinizione Odg
Propone quindi di integrare (come da richiesta ultimo incontro Varco) i seguenti punti odg:
A. Nuove iscrizioni per as 2013/14, in esubero rispetto alle relative accoglibilità
B. Formazione provinciale addetti e responsabili della sicurezza nelle scuole
C. Fruizione di ferie nel caso di supplenza breve per il personale docente
Con riferimento a evoluzione della crisi regionale lombarda, prospetta la necessità di rinviare il punto dell’Odg previsto, per quanto inerente Expo 2015, essendo sostanzialmente venuti a mancare tempi e referenti per gli sviluppi progettuali assunti dalla conferenza nella seduta precedente

Accolte unanimemente tali rettifiche, la conferenza affronta l’Odg così ridefinito
1. Nuove iscrizioni per as 2013/14, in esubero rispetto alle relative accoglibilità – Criteri di istituto
2. Formazione provinciale addetti e responsabili della sicurezza nelle scuole
3. Generazione web Lombardia – misure territoriali di accompagnamento
4. INVALSI – misure territoriali di accompagnamento
5. “Cittadinanza e Costituzione” – programma di formazione
6. Fruizione di ferie nel caso di supplenza breve per il personale docente
7. Regolamento patrocini Ust

Svolgimento Odg

1. Nuove iscrizioni per as 2013/14, in esubero rispetto alle relative accoglibilità – Criteri di istituto
si assume il termine provinciale del 30 novembre (rispetto a quello nazionale, fissato entro la conclusione delle iscrizioni) per la pubblicazione sui siti di istituto dei numeri di iscrizioni ricevibili (generali per ordine/grado e specifici per le classi/sezioni iniziali, sulla scorta anche delle serie storiche di differenza tra nuove richieste e reali frequenze ad inizio lezioni). Entro tale termine saranno anche pubblicati, previa delibera del Consiglio di istituto, da deliberare anche in caso di reiterazione, i criteri di individuazione di liste d’attesa (per le scuole d’infanzia), smistamenti (1° ciclo) e riorientamenti (2° ciclo), interni o esterni all’istituto. Merletti ricorda l’obbligatorietà generale di tali azioni di trasparenza, anche per evitare contenziosi perdenti con le nuove utenze, connesse non solo agli indici di affollamento sincronico già pubblicati, ma anche agli operatori aritmetici di determinazione delle classi/iniziali, definiti da anni per istituto e non più per plesso/indirizzo. A tale ultimo proposito la conferenza sottolinea la specifica problematicità del primo ciclo in piccoli centri (con l’impossibilità di garantire a tutti i residenti accoglibilità certa stor icamente ‘acquisita’, che deve adeguatamente essere prospettata in sede di orientamento)in con procedure che vanno ben spiegate in fase di orientamento). Quanto al merito dei criteri, si affida a Varco (sulla base della raccolta e catalogazione Ust relative allo scorso anno) la redazione di un relativo documento provinciale di contestualizzazione, puntualizzazione e indicazioni comuni, centrato sulle criticità maggiori, quali nel 1° ciclo di piccoli centri quella già richiamata e nel 2° ciclo la presenza/pesi di dimensioni connesse a profitto e condotta, con relative strumentazioni (consiglio orientativo, voti di profitto/condotta/risultati da test attitudinali. La questione dirimente, infatti, non è quella relativa al bacino di utenza o alla raggiungibilità, il vero punto dolente è la valutazione del profitto/, …), nonché il diverso peso della territorialità. Il documento dovrà pervenire alle scuole entro il 20 novembre e Ust provvederà dopo le pubblicazioni di istituto alla nuova catalogazione provinciale. La conferenza unanime condivide

2. Formazione provinciale addetti e responsabili della sicurezza nelle scuole
Il Dirigente Claudio Lesica illustra termini essenziali e modulo iniziale di raccolta di bisogni formativi di un Piano di formazione, su indicazione di Varco e a seguito di specifico incontro di un gruppo interprovinciale, che sarà oggetto di specifiche circolari Ust. Sempre Ust raccorderà la disponibilità provinciale di fondi vincolati c/o istituti o di possibili figure con distacco da insegnamento, con possibili integrazioni interistituzionali (Asl e Inail).
L’insieme di proposte è assunto unanimemente

3.Generazione web Lombardia – misure territoriali di accompagnamento
Vengono illustrate le prime risultanze sintetiche dell’indagine interprovinciale Ust-Varco, sullo stato di attivazione nelle due provincie di Varese e di Como (all. 1). Risultano coinvolti per GW1 26 istituti di stato e paritari della provincia varesina per un totale di €    1.110.050,00; in GW2 8 istituti di stato e paritari per un totale di €    345.750. Viene presentata la mappa concettuale e di senso per misure e azioni interprovinciali di supporto al progetto Miur Regione Lombardia (su impianto già approvato in conferenza, a seguito di approfondimenti del gruppo tecologie degli ust di Como    e Varese, con contributo specifico di gruppo di confronto di alcuni Ds sulla formazione docenti) connesse al progetto (all.2). Tali iniziative si svolgono all’interno delle linee Usr e in complementarietà di iniziative con le medesime. Per le risorse formativo progettuali oltre al già condiviso impegno di impiego di almeno il 20% del monte ore di figure con relativo distacco provinciale, sentite le OOSS provinciali, si fa ricorso, attraverso la distribuzione dei residui di pieghe di organici provinciali 2012/13, anche ad unità docenti con forti competenze di settore presenti nelle scuole, incaricati dai relativi Ds ovviamente se concordi, in forma di distacco da insegnamento e/o di incarico aggiuntivo. In tale direzione di sostanziale rete si determina unanimemente di procedere con utilizzo delle residue pieghe di organico provinciale, in trasparenza totale anche di resocontazione in conferenza. L’individuazione dei poli di rete è rinviata a Varco.
Documenti e determinazioni sono approvati all’unanimità

CERIMONIA DI COMMIATO DEI COLLEGHI
Alle ore 10,30 i lavori sono dedicati alla cerimonia di commiato ai Dirigenti scolastici in congedo con il corrente as. Il presidente ringrazia la Provincia di Varese per il pieno coinvolgimento a testimonianza, ancora una volta, della forte considerazione della scuola, dei suoi servizi e delle sue persone nel nostro territorio e passa la parola alle autorità presenti. Dopo i saluti degli assessori dr. Bottini e dr Bonfanti (quest’ultimo aggiorna anche relativamente alla delibera in Giunta provinciale del Piano dimensionamento e del Piano offerta formativa relativi al 2013/14), la cerimonia entra nel vivo con la consegna delle targhe di merito e riconoscenza (offerte
dalla Provincia) ai seguenti dirigenti in congedo dal 1 settembre 2013
Cappilli Michele IC Laveno Mombello e reggente alla direzione didatica di Angera
Carretta Mario IC Gavirate e reggente all’IC Azzate
Colombo Regina IC Castellanza e reggente all’IC Bertacchi di Busto A.
Deleo Francesco    IC Varese 2 Pellico e reggente all’IC Travedona Monate
Ippolito Giovanni IC Induno Olona
Maresca Giuseppe IC N. Sauro m
Martino Patrizia IC B. Luini di LUino
Micalizzi Antonio Liceo Ferraris Varese e reggente all’IC Cuveglio
Premoli Giosué IC Da Vinci di Saronno
Scandroglio Loredana IC Di Arcisate
Scattolari Pierpaola (alla memoria, riceve la figlia Elena Ghidini)    IC Porto Ceresio
Sirna Giuseppe ISI Città di Luino Luino
Tartaini Emilio IPSSCT Einaudi Varese
Vanzulli Antonia IC Caronno Pertusella e reggente alla DD Caronno P.

RIPRESA LAVORI SU ODG
La Conferenza continua dalle ore 11,30 con gli altri punti all’o.d.g.

4. INVALSI – misure territoriali di accompagnamento Il presidente ricorda la centralità di Invalsi nelle strategie formative del sistema pubblico territoriale di istruzione e invita il prof Vittorio Fabricatore a illustrare le risultanze de i gruppi di lavoro all’inte rno di Varco che, sulla scorta della lettura dei dati propedeutica alle attività di formazione (documento di report finale su Invalsi 2010/11, approvato dalle conferenze provinciali di Como e Varese e pubblicati sui relativi siti ufficiali ust) , hanno indicato come punto critico per il miglioramento di sistema degli esiti di apprendimento l’individuazione e formazione di figure chiave di istituto che operino che operino nello snodo tra ultimo anno della scuola primaria e primo anno della secondaria di primo grado. E’ delineato un modello formativo e gestionale di corso su competenze chiave di lingua e matematica, articolato in 24 ore di formazione per non più di 35 unità, con costo massimo previsto di € 2400/corso. Al fine delle connesse articolazioni funzio nali e logistiche si ringraziano per le preziose disponibilità la collega Grohovaz di Ic Como centro per l’attività di capofila  (raccolta adesioni e contributi, incarichi per personale della scuola con competenze idonee, bandi e appalti per servizi idonei di formazione, …) nonchè altri sette dirigenti scolastici delle due province (per il dettaglio si rimanda al verbale ultima riunione Varco pubblicato sui due siti ust). La conferenza approva e demanda a Varco e al capofila la redazione del testo di accordo di rete per la proposta di adesione di ogni istituto di stato o paritario di primo ciclo, per l’avvio della fase di reperimento delle disponibilità da parte delle scuole e (per ‘osservatori’, così come determinato in preced enti conferenze) di secondo ciclo. Rimane ferma la possibilità di gestione in proprio da parte di singoli istituti autonomamente dotati di risorse umane idonee alla realizzazione del corso secondo il modello assunto.

5. “Cittadinanza e Costituzione” – programma di formazione Mauro Riboni, interviene a nome del gruppo provinciale, illustrando la proposta formativa di quest’anno che vede i due temi centrali di “Educazione alla cittadinanza europea” ed “Educazione alla cittadinanza attiva” dentro il progetto “Educazione alla cittadinanza: dalle buone pratiche al curricolo verticale”, con il quale si intende mettere a fuoco, attraverso buone pratiche già esistenti nel territorio, i modelli trasferibili di progettualità incardinata nella didattica per offrire ai docenti e ai progettisti nell’ambito della cittadinanza e della legalità strumenti formativi e ideativi che portino ad una efficace trasmissione di saperi e a un consolidamento di competenze e di agiti coerenti con la formazione del cittadino di domani. In particolare si propone di far convergere una azione formativa articolata su diversi percorsi, distinti ma sinergici e complementari, che dovrebbe vedere uno sviluppo almeno biennale. Il primo percorso prevede lo sviluppo in ambito provinciale di una riflessione sulle buone pratiche sviluppate in vista della revisione e ridefinizione di un format condiviso di certificazione delle competenze alla luce del progetto di verticalizzazione fra i diversi ordini di scolarizzazione con relativa definizione dei traguardi cognitivi e con l’approntamento di specifiche UDA per asse per la validazione delle competenze. Dopo il primo seminario del 26 ottobre, per il 2012-13 sono previsti 6 incontri decentrati in tre poli: Luino, Varese, Busto Arsizio. Un secondo percorso potrà essere offerto attraverso le iniziative formative di carattere teorico-fondativo proposte in collaborazione con la Fondazione Poupard sulla tematica “Legalità e ambiente a scuola”. In tal senso sono in via di definizione 8 incontri pomeridiani che si terranno presso l’istituto filosofico Aloisianum di Gallarate nel periodo gennaio aprile 2013 che si concluderanno con un convegno finale a carattere nazionale
programmato per il 29 aprile 2013. Un terzo percorso prevede la collaborazione con l’Università con la possibilità di accesso riservato per un piccolo numero di docenti al Master universitario di primo livello “Cittadinanza e Costituzione – cultura e professione per l’intervento nella scuola e sul territorio” organizzato dall’ Università Cattolica del Sacro Cuore per l’anno accademico 2012/2013 anche tramite la previsione di apposite borse di studio .

6. Fruizione di ferie nel caso di supplenza breve per il personale docente Il presidente illustra il disallineamento fra norme della spending review e regole del sistema (CCNL, ordinamenti, …) Propone che tale problema sia sottoposto a Varco, per orientamenti interpretativi comuni, e a Usr-Miur sollecitando le necessarie istruzioni comportamentali utili anche a contenere prevedibili contenziosi. Entrambe le proposte sono unanimemente condivise

7. Regolamento patrocini Ust Relativamente alle richieste di patrocinio Ust, il presidente richaima la necessità di una regolazione condivisa essendo evidente, per la natura di Ust, che i destinatari finali di possibili patrocini sono le scuole della provincia. Illustra quindi la proposta di regolamento che, così come in all. 4, é unanimemente assunta

La segretaria
Margherita Pruneri

Il presidente
Claudio Merletti

Allegati

All3-Termini di  richiesta patrocinio di Ust Va per Sist Istruz Pubblico
Filename : all3-termini-di-richiesta-patrocinio-di-ust-va-per-sist-istruz-pubblico.pdf (79 KB)
Etichetta :
All2-GW CO-VA-quadro-generale
Filename : all2-gw-co-va-quadro-generale.pdf (412 KB)
Etichetta :
All1-GW-CO-VA -prima-sintesidati05Nov12
Filename : all1-gw-co-va-prima-sintesidati05nov12.pdf (141 KB)
Etichetta :

Uffici USRLO (link esterni)