Navigazione veloce

AT Varese - via Copelli, 6 - 21100 - Varese - Tel. 0332 257111 - PEC uspva@postacert.istruzione.it - E-mail: usp.va@istruzione.it
Codice Ipa:m_pi - Codice AOO: AOOUSPVA - Codice Univoco per la Fatturazione Elettronica: HKPE39 - CF 80010960120

Iscrizioni 2013/14 per le scuole statali

Indicazioni orientative a cura del gruppo VarCo sulle iscrizioni per l’anno scolastico 2013-14.

emblema-repubblica-italiana

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio XXI – Varese

 

Prot. n. MIUR AOO USPVA R.U    369    del  21 gennaio 2013

 Ai dirigenti scolastici 
degli istituti/scuole statali di ogni ordine e grado
di Varese e provincia

Oggetto: Iscrizioni 2013/14 per le scuole statali

Il gruppo VarCo, esaminati e discussi i diversi punti di problematicità operativa che si prevedono in ordine alle procedure previste dalla C.M del 17 dicembre 2012 n. 96 e relative alle iscrizioni per l’a.s. 2013/14, ha ritenuto utile e opportuno raccogliere le seguenti indicazioni come contributo orientativo perl’ordinato e funzionale svolgimento dei lavori nelle diverse scuole.

Rimandando alla nota USR prot. 270 del 15 gennaio 2013 e relativi allegati per ciò che si riferisce alle iscrizioni post-media si precisano le seguenti ulteriori indicazioni (salva restando ogni diversa disposizione successiva da parte dei superiori organi dell’Amministrazione).

1. Nella prima fase ogni scuola deve:

a)completare l’inserimento di tutti i dati richiesti nello spazio “La SCUOLA IN CHIARO”; 

b) garantire i preliminari accordi formali con le Amministrazioni comunali, in particolare per il primo ciclo, relativamente ai servizi offerti;

c) curare con particolare attenzione la predisposizione dei moduli di iscrizione con la precisa e puntuale indicazione di tutte le opzioni relative ai servizi offerti (moduli orari settimanali con specifici giorni di rientro, mense, ecc.…  distinti per ogni plesso)

E’ indispensabile poi che ogni scuola curi in modo speciale la comunicazione alle famiglie sia sul sito scolastico che tramite la diffusione dei materiali informativi predisposti dal Ministero ed eventualmente personalizzati con le opportune e specifiche indicazioni. In tali comunicazioni dovrà essere precisato l’elenco di tutti documenti che comunque devono essere eventualmente forniti anche in tempi successivi (per i casi alunni con disabilità o DSA).

Fondamentale sarà l’indicazione delle modalità di assistenza che ogni scuola – ma in particolare quelle “riceventi” l’iscrizione – dovranno essere in grado di offrire.

Criteri di accoglienza: nella comunicazione devono essere chiaramente indicati i criteri di accoglienza a suo tempo deliberati dalla scuola e, in ogni caso, pubblicati sul sito di istituto entro e non oltre il 20 gennaio.

Particolarmente utile sarà la predisposizione, e la diffusione, di un elenco delle scuole del bacino di utenza con chiara indicazione dei rispettivi codici meccanografici.

2. Nella seconda fase

Sportello assistenza: Si ritiene preferibile che siano le scuole “riceventi” a predisporre e a garantire  un servizio apposito per l’assistenza  alla seconda fase a tutti i genitori che non siano in grado di svolgere in autonomia le relative operazioni. Tale servizio di sportello è opportuno che abbia orari propri e adeguati alle esigenze delle famiglie anche per non gravare sul normale lavoro di segreteria.

Registrazione utente e casella di posta: per l’avvio della procedura è richiesta una registrazione con indicazione di una casella di posta elettronica. Nel caso in cui una famiglia non possegga una casella di posta elettronica, come chiarito nella sezione FAQ del MIUR, l’iscrizione dovrà essere però  effettuata dalla scuola con la propria utenza entrando nella parte pubblica di “Iscrizioni on line” (www.iscrizioni.istruzione.it) e seguendo lo stesso iter che segue un genitore (ovvero quello descritto nella Guida rapida pubblicata nello spazio indicato). Al termine della procedura, sarà la scuola stessa a stampare la ricevuta e a consegnarla al genitore. Non necessitano quindi creazioni di specifiche caselle di posta salvo i casi in cui tale servizio possa essere richiesto dal genitore stesso.

Compilazione assistita: in tutti i casi in cui la compilazione non venga fatta in autonomia dalla famiglia è oltremodo importante che le operazioni avvengano comunque alla presenza del genitore, o del legale  rappresentante, e con registrazione del documento di identità dello stesso. Ciò anche al fine di garanzia rispetto a possibili situazioni di conflittualità tra genitori o altri.

3. Nella terza fase:

Ai fini della reale accettabilità delle iscrizioni si ricorda che vanno attentamente considerati i riferimenti, oltre alle capienze, anche agli organici ai sensi del DPR 81/2009[1].

Ogni scuola interessata a selezioni dei richiedenti l’iscrizione dovrà necessariamente calendarizzare, nei primissimi giorni di marzo (e comunque non oltre il 5), le relative operazioni: test, confronti con pagelle degli anni precedenti ecc… Ciò al fine di consentire le operazioni di redistribuzione delle iscrizioni non accolte entro il 9 marzo (con accordi  curati da UST).

Per intercettare immediatamente ogni potenziale evasione dall’obbligo scolastico, risultano di assoluta rilevanza le seguenti operazioni:

a)    Ogni scuola primaria di stato “ricevente” avrà cura di comunicare ai sindaci dei comuni di residenza l’elenco dei richiedenti indipendentemente dall’accoglienza.

b)   Le scuole di provenienza provvederanno tempestivamente subito dopo il 1° di marzo alla verifica delle effettive iscrizioni dei propri utenti segnalando ai sindaci dei comuni di residenza, previa verifica con le famiglie interessate, eventuali casi di sospetta evasione dell’obbligo. 

 Distinti saluti,

Il dirigente
Claudio Merletti

 



[1] per i diversi ordini e gradi di scuole gli operatori di calcolo per nuove sezioni e classi sono i seguenti: a) sezioni di scuola di infanzia (non coinvolte per quest’anno nella procedura online) num. tot. alunni di istituto/29, numero minimo 18 alunni;  b) scuola primaria: num. tot. alunni di istituto/27, numero minimo 15 alunni;  c) scuola sec. I grado: num. tot. alunni di istituto/28, numero minimo 18 alunni; d) scuola sec. II grado: num. tot. alunni di istituto/27, numero minimo 27 alunni.

 

Referente
Mauro Riboni
0332 257 164
Email: mauro.riboni@istruzione.it

Direzione regionale e altri ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

IXMilano