Navigazione veloce

AT Varese - via Copelli, 6 - 21100 - Varese - Tel. 0332 257111 - PEC uspva@postacert.istruzione.it - E-mail: usp.va@istruzione.it
Codice Ipa:m_pi - Codice AOO: AOOUSPVA - Codice Univoco per la Fatturazione Elettronica: HKPE39 - CF 80010960120

Indicazioni operative cessazioni dal servizio, trattamento di quiescenza

Comunicazione della pubblicazione sul sito del MIUR della Circolare Ministeriale n. 23 del 12/3/2012

emblema-repubblica-italianaMinistero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio XXI – Varese

AI  DIRIGENTI SCOLASTICI DELLE  SCUOLE
STATALI DI OGNI ORDINE E GRADO
LORO SEDI

ALLA DIREZIONE REGIONALE  – MILANO

ALL’UFFICIO DEL PERSONALE  – SEDE

ALL’U R P – SEDE

ALL’ALBO  – SEDE

AI SINDACATI  DELLA SCUOLA – LORO SEDI

 

OGGETTO:  D.M. n.22 del 12/3/2012 – Cessazioni dal servizio – Trattamento di quiescenza – Indicazioni operative.

Si comunica, con preghiera di curarne la massima diffusione tra tutto il personale, compreso quello che, a qualsiasi titolo, sia temporaneamente assente dalla scuola, che sul sito del MIUR è pubblicata la Circolare Ministeriale n. 23 del 12/3/2012, con allegato il D.M. in oggetto, contenente  disposizioni  operative in materia  di collocamento a riposo con effetto a valere dal 1° settembre 2012.

Si raccomanda  un’attenta lettura del contenuto delle suddette disposizioni e il rispetto dei termini di scadenza da parte del personale interessato.

Tutto il personale che presenterà domanda di dimissioni dovrà immancabilmente compilare e allegare alla domanda la documentazione richiesta, necessaria per conseguire l’attribuzione del trattamento pensionistico.

Premesso quanto sopra, si forniscono le seguenti ulteriori indicazioni.

1)  Il dipendente di ruolo inserisce la domanda di cessazione per dimissioni volontarie, per limiti d’età o di servizio, utilizzando l’apposita procedura web POLIS) allega copia dell’avvenuta trasmissione telematica di quanto sopra alla documentazione di cui all’unito  elenco (allegato B) e la consegna alla segreteria della Scuola di appartenenza.. Il termine di scadenza è il 30/3/2012.

Il dipendente non di ruolo presenterà istanza cartacea alla scuola di servizio nei termini e con la documentazione di cui sopra.

Si raccomanda la massima cura da parte di codeste Istituzioni scolastiche nella verifica della completezza e dell’esattezza della documentazione allegata alle pratiche pensionistiche.

Allo scopo si fornisce l’allegato B ( elenco documentazione).

2) Presso la scuola viene effettuato, in primo luogo, un controllo sulla tempestività della domanda e sulla completezza della documentazione allegata. Se la domanda risulta intempestiva per il corrente anno scolastico non può essere accolta e ne viene data comunicazione scritta all’interessato.

3)   Entro il termine previsto dal Decreto Ministeriale in oggetto, 30/3/2012, l’interessato può presentare istanza di revoca della domanda, indirizzata alla  scuola di titolarità, la quale provvederà alla cancellazione utilizzando l’apposita funzione web POLIS.

4)   Allo scadere del termine previsto per la presentazione delle domande (dopo il 30/3), la scuola procede, per le domande non revocate, all’inserimento delle cessazioni al SISTEMA INFORMATIVO del MIUR (SIDI) possibilmente entro il 3/4/2012.

     Nel raccomandare la tempestività del predetto adempimento si porta all’attenzione delle SS.LL. l’importanza della corretta acquisizione al S.I. delle causali di cessazione, nello specifico si chiarisce che:

–       per dimissioni volontarie, comprese le donne che pur non avendo compiuto i 65 anni  hanno diritto alla pensione di vecchiaia, codice cessazione CS11;

–       per limiti d’età (uomini e donne che compiono i 65 anni ) codice cessazione CS01;

–       per compiuto 40ennio di servizio,indipendentemente dall’età, codice cessazione CS10.  

5)    Trattenimenti in servizio e limiti d’età

Per il personale che deve essere collocato a riposo per raggiunti limiti di età (personale nato dal 01/09/1946 al 31/08/1947 che abbia maturato il diritto a pensione entro il 31/12/2011), che non chiede il trattenimento in servizio ai sensi dell’art. 509, comma 3 del Decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994  o per un biennio come regolato dal comma 5 dell’art. 509 e dall’ art.72 della legge 133/08, la scuola di titolarità, individuati i nominativi del personale da trattare, procede entro lo stesso termine assegnato dal Decreto Ministeriale ad acquisire al S.I. gli estremi del collocamento a riposo e trasmette a questo ufficio tutta la documentazione richiesta per il personale che cessa dal servizio a domanda.

In riferimento al mantenimento in servizio per un biennio di cui all’art. 72 c. 7, si raccomanda un’attenta lettura della C.M. 23 del 12/3/2012.

6)   Dopo l’inserimento della cessazione al S.I.,il D.S.G.A. deve procedere contestualmente:

     all’emissione del provvedimento di inquadramento retributivo sul quale deve risultare la cessazione dal servizio alla data del  1/9/2012. Due copie del provvedimento, firmate dal Dirigente scolastico (anche se non vistate dalla Ragioneria provinciale dello Stato), devono essere allegate alla documentazione che sarà trasmessa a questo ufficio contemporaneamente alla domanda di dimissioni dal servizio. Qualora l’istituzione scolastica non fosse abilitata all’emissione dell’ultimo inquadramento per la mancanza di un provvedimento antecedente di competenza di questo ufficio, deve essere data immediata comunicazione all’ufficio ruolo che procederà alla regolarizzazione della posizione.

7)      Da quest’anno le domande di pensione devono essere inviate direttamente all’     Ente previdenziale, attraverso le seguenti modalità:

1 – compilazione della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato ( già disponibile)

2 – Compilazione della domanda on line accedendo al sito dell’Istituto previa registrazione ( a partire dal 2 maggio)

Tali modalità sono le uniche ritenute valide ai fini dell’accesso alla prestazione pensionistica.

 7bis) Il  personale di ruolo che ha già prodotto domanda cartacea di dimissioni con decorrenza 01/09/2012, è  invitato sia a volerla integrare urgentemente con la documentazione richiesta (allegato B) da inviare tramite la scuola di titolarità, sia a provvedere all’inserimento della cessazione  attraverso web POLIS.

8) Personale ATA transitato dagli Enti locali:

 Per il personale transitato dagli Enti Locali alle dipendenze dello Stato occorre allegare, oltre alla predetta documentazione, il Mod. PA04 (ex Mod. 98) ed il Mod. 350/P (foglio aggiuntivo) rilasciato  dall’Ente Locale di provenienza.

9) Cessazioni contestuali a p.time:

Il personale docente e ATA che chiede la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale con contestuale attribuzione del trattamento pensionistico, deve formulare un’unica istanza sempre entro il 30/3/2012.

Nella medesima istanza gli interessati devono anche esprimere l’opzione per la cessazione dal servizio, ovvero per la permanenza a tempo pieno, nel caso fossero accertate circostanze ostative alla concessione del part-time. Per il personale che cessa con contestuale part – time le istituzioni scolastiche non dovranno acquisire al SIDI il provvedimento di cessazione ma dovranno successivamente operare nell’apposita funzione relativa all’acquisizione delle domande di part – time.

Il personale già in regime di part-time con contestuale trattamento pensionistico, che non intende continuare a svolgere servizio a tempo parziale, deve presentare istanza di dimissioni entro la data del 30/3/2012. Tale cessazione andrà invece regolarmente acquisita al SIDI .

10) Personale Dirigente scolastico

Come indicato al punto B del D.M. n. 22 citato, i Dirigenti scolastici che intendono cessare dal servizio dall’1/09/2012 presenteranno entro il  termine del 30/3/2012 le istanze di cessazione.

Le stesse dovranno essere inviate al competente Ufficio della Direzione Regionale. Copia delle medesime dovrà essere trasmessa allo scrivente Ufficio munita della documentazione indicata nell’allegato B.

11) Per tutto il personale scolastico dimissionario non sarà inviata alcuna comunicazione di accoglimento delle dimissioni: le domande s’intendono accolte e gli interessati cesseranno dal servizio il 1/9/2012.

Dell’eventuale mancata maturazione del diritto a pensione sarà data, a cura di questo ufficio, specifica comunicazione scritta agli interessati tramite la scuola che ha gestito la domanda, al fine di mettere gli stessi in condizione di poter esercitare la facoltà di revocare la domanda di pensionamento entro il termine tassativo di 5 giorni dal ricevimento della predetta comunicazione.

12) Si ricorda che per il personale in regime di TFR e per il personale che ha aderito al Fondo Espero ( PER IL PERIODO SUCCESSIVO L’ADESIONE) la scuola dovrà provvedere alla liquidazione del trattamento TFR suddetto, che non è di competenza dell’USP (Circ.USP n.8770 del 4.7.01),CI SI RISERVA DI FORNIRE EVENTUALI ULTERIORI INDICAZIONI IN MATERIA DI TRATTAZIONE DELLE PRATICHE DI TFS E TFR .

Per non ritardare l’istruttoria delle pratiche ( con priorità assoluta per i docenti della scuola primaria), considerati i tempi molto ristretti per l’accertamento dei relativi requisiti, le domande di cessazione dal servizio, OVE GIA’ ACQUISITE AL POLIS ,COMPLETE E NON REVOCATE, unitamente alla prescritta documentazione, DOVRANNO ESSERE CONSEGNATE SIN DA ORA ALLO SCRIVENTE UFFICIO BREVI MANU E COMUNQUE NON OLTRE IL 26/3/12.

Per le predette successivamente al 30/3/12 la scuola provvederà all’inserimento al SIDI della cessazione e alla produzione dell’inquadramento stipendiale aggiornato. 

Eventuali ulteriori istanze di cessazione prodotte successivamente al 26/3/12 ed entro il 30/3/12 dovranno essere fatte pervenire allo scrivente entro il 4/4/12 con le medesime modalità.

nel ringraziare per la collaborazione si segnala l’urgenza e si porgono distinti saluti.

IL DIRIGENTE
Claudio MERLETTI

 

 

Uffici USRLO (link esterni)