Educazione alla cittadinanza: dalle buone pratiche al curricolo verticale

Polo di Luino

CITTADINANZA, AMBIENTE-ECONOMIA/LAVORO, SALUTE

Gruppo di lavoro di Luino

Introduzione di Mauro Riboni

Economia, lavoro, ambiente e salute sono aspetti essenziali della cittadinanza in quanto ne rappresentano declinazioni imprescindibili.

La conoscenza dell'ambiente, la sua salvaguardia e la corretta impostazione del rapporto uomo-ambiente, la tutela della salute correttamente concepita come “fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività” (art. 32 della Costituzione) sono necessariamente elementi che non possono essere trascurati per la formazione di cittadini attivi e consapevoli da parte della scuola. Al contempo tutto ciò non può prescindere dalle inevitabili implicazioni di carattere economico e lavorativo (art. 1 Cost.)

Nelle linee di indirizzo per Cittadinanza & Costituzione l'USR Lombardia ha espressamente toccato gli aspetti della cittadinanza economica e ambientale:

Cittadinanza economica è un processo volto a favorire lo sviluppo di conoscenze, capacità e competenze che permettano al cittadino di divenire, all'interno della società, un agente economico consapevole e rispettoso delle regole del vivere civile e di comprendere il mondo economico che lo circonda. Il Titolo III Parte Prima della Costituzione enuncia l'ambito di azione della cittadinanza economica (artt. 35-47) con il dovere sancito nell'art. 53 ( responsabilità fiscale), sono compendiati da competenze in  merito all'uso consapevole del denaro, alla responsabilità verso il proprio futuro previdenziale ed assicurativo.  

Tutti i programmi di financial education nel mondo hanno tentato di attivare un “ processo attraverso il quale i consumatori/investitori finanziari possano migliorare la propria comprensione di prodotti e nozioni finanziarie e, attraverso l'informazione, l'istruzione e un supporto oggettivo, sviluppare le capacità e la fiducia necessarie per diventare maggiormente consapevoli dei rischi e delle opportunità finanziarie, per effettuare scelte informate, comprendere a chi chiedere supporto e mettere in atto altre azioni efficaci per migliorare il loro benessere finanziario .”(Definizione OCSE).

Anche il tema dell'educazione finanziaria e del relativo grado di “alfabetizzazione” dei cittadini (financial literacy) è di grande rilevanza all'interno della prospettiva qui considerata, poiché le scelte finanziarie hanno conseguenze determinanti sulla qualità e sullo stile di vita dei cittadini e sulla legalità della collettività. Per questo è necessario dotare gli studenti di strumenti utili a comprendere benefici e rischi collegati ad un corretto utilizzo di beni e servizi finanziari quale utile contributo per la cittadinanza consapevole”.

( Linee guida nazionali per il passaggio al nuovo ordinamento, D.P.R 15 marzo 2010 n. 89, art 8, comma 3)

Rispetto al grande tema della educazione ambientale l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione non può trascurare di contribuire alla salvaguardia dell'ambiente, attraverso lo sviluppo e la crescita consapevole di comportamenti individuali – sia privati che pubblici – e con la partecipazione appassionate e competente alle decisioni dei diversi organismi politici preposti.

Vuol dire quindi dare contributi progettuali di carattere tecnico-scientifico, supportati da azioni etiche e da decisioni sostenibili. Vuol dire conoscere l'ambiente per rispettarlo, con un nuovo senso di responsabilità. Nella sostenibilità ambientale rientrano diverse aree di azione che vanno dalla sostenibilità in riferimento alla produzione e consumo di energia, alla viabilità, alla creazione di smart city, alla tutela del patrimonio paesaggistico, ecc…

“Il dibattito a livello mondiale sulla difesa dell'ambiente, sui cambiamenti climatici, sui problemi energetici e sui recenti impegni assunti in sede internazionale, testimonia come l'educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile rappresenti oggi una sfida non più procrastinabile per responsabilizzare tutti cittadini ad assumere comportamenti e stili di vita all'insegna del rispetto dell'ambiente. (...)Lo sviluppo sostenibile si richiama, quindi, in modo pragmatico alla necessità di conciliare due obiettivi fondamentali per la società contemporanea: tutelare gli ecosistemi e promuovere lo sviluppo socio-economico. Tale concetto si configura come l'intersezione tra vivibilità, crescita, equità sociale e tutela della natura e, soprattutto, si qualifica come elemento caratterizzante dall'interno ogni programma, ogni progetto, sino alla singola decisione, in un'ottica di mainstreaming. Si può parlare, quindi, più genericamente, di sostenibilità la quale può avere più declinazioni: ambientale, socio-culturale ed economica. Essa è strettamente connessa alla qualità dello sviluppo, ponendosi come principio guida nel gestire energie, risorse e saperi nella società contemporanea ed anche nel progettare percorsi di formazione finalizzati all'acquisizione di competenze chiave di cittadinanza, come previsto anche a livello europeo.

(Linee guida per l'Educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile, MIUR prot 3337, 14 Dicembre 2009 ).

Il gruppo di Luino composto dai docenti: Prof.ssa Bandiera Elma (Liceo Scientifico "Sereni" di Luino), Prof.ssa D'Addezio Anna ( Liceo Scientifico "Sereni" di Luino) , Prof. Zanin Fabio (Liceo Scientifico "Sereni" di Luino) , SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO, Prof.ssa Frigerio Eliana (IC "B. Luini" Luino), Prof.ssa Fiengo Marina (IC "B. Luini" Luino), Prof.ssa De Franchis Francesca (IC "B. Luini" Luino), Prof.ssa Casoli Elena (Ist. Paritario Parroc. "M. Ausiliatrice" Luino), Prof.ssa Cornolò Elisabetta (Ist. Paritario Parroc. "M. Ausiliatrice"), SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO, Ins.te Beggio Elena ISTMA (Ist. Paritario Parroc. "M. Ausiliatrice" Luino), SCUOLA PRIMARIA, Ins.te La Rocca Rosalba (Scuola Infanzia "Ventrella" in ICS "D. Zuretti") SCUOLA DELL' INFANZIA ha sviluppato, per i diversi ordini di scuola dall'infanzia alla secondaria di II grado, i seguenti percorsi:

Materiali