Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Ufficio scolastico regionale per la Lombardia > Sicurezza > Regolamento antifumo > Divieto di fumo: indicazioni operative 2010

Divieto di fumo: indicazioni operative 2010

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia – Direzione Generale
Via Ripamonti, 85 – 20141 Milano – Tel. 02 574 627 1 – Fax 02 568 142 72
www.istruzione.lombardia.gov.it – E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it
Posta elettronica certificata: drlo@postacert.istruzione.it

 

Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 10019 del 22.06.2010

 

Oggetto: Divieto di fumo: accertamento, contestazione e verbalizzazione. Indicazioni operative

 

Si forniscono le seguenti indicazioni operative per lo svolgimento dell’incarico conferitovi di vigilanza per il rispetto del divieto di fumo:

 

  1. le SS.LL. dovranno esibire al trasgressore il provvedimento di incarico ricevuto e, a richiesta, un documento d’identità personale;
  2. accertata la violazione, si procede alla redazione del verbale di contestazione, alla presenza del trasgressore che deve essere informato sulla possibilità di mettere dichiarazioni a verbale;
  3. l’ammontare della sanzione minima è di € 27,50 (sino ad un massimo di € 275,00), sanzione da raddoppiare se la violazione si è verificata in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini fino a dodici anni. Si consiglia di richiedere agli interessati la conferma dello stato di gravidanza o l’età dei bambini;
  4. il verbale va redatto in triplice copia e firmato dal trasgressore e dall’accertante, una copia va consegnata al trasgressore stesso e le altre due restano all’addetto;
  5. al trasgressore va consegnata una copia del modello F23 per semplificare le modalità di pagamento della sanzione e va ricordato di far avere o di esibire copia dell’avvenuto pagamento all’Ufficio I;
  6. può succedere che il trasgressore non intenda presenziare alla redazione del verbale e si allontani, oppure non intenda sottoscrivere il verbale stesso ed accettarne copia: in tal caso è necessario richiedere le generalità per procedere poi alla redazione del verbale stesso, nel quale vanno indicati tali ulteriori fatti, se avvenuti, che sarà notificato al domicilio dell’interessato, a cura dell’Ufficio I;
  7. qualora il trasgressore non intenda dichiarare le proprie generalità, si procederà d’ufficio ad acquisirle, sulla base delle indicazioni che saranno fornite dall’accertante stesso o da altri presenti al fatto;
  8. unitamente alla copia (o alle copie se il trasgressore non ha voluto firmare o prendere la propria copia), le SS.LL. rimetteranno la scheda riassuntiva del verbale o dei verbali fatti;
  9. le SS.LL. avranno cura di conservare la documentazione relativa alle sanzioni amministrative comminate ai trasgressori in apposito cassetto o armadio, assicurando il rispetto delle disposizioni previste in materia di trattamento di dati personali;
  10. le SS.LL., quali soggetti incaricati, ove omettano di curare l’applicazione della norma, sono soggetti a sanzione, compresa tra un minimo di € 220 ed un massimo di € 2200, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

 

Il direttore generale
Giuseppe Colosio

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano