Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Riconoscimento di singoli corsi di formazione ai sensi della Direttiva Ministeriale 170/2016. rif corsi per 2017/18

Disposizioni contenute nella nuova Direttiva 170/2016. Dettagli in allegato.

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio VII – Ambito territoriale di Lecco e attività esercitate a livello regionale in merito al personale della scuola
Via Pola, 11 – 20124 Milano – Codice Ipa: m_pi
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

 

Prot. n. MIUR AOO DRLO R.U. 17797
Milano, 05 ottobre 2016

Ai dirigenti UUSSTT della Lombardia

Ai dirigenti tecnici della Lombardia

Ai dirigenti scolastici delle scuole statali della
Lombardia

Ai responsabili di Associazioni e di Enti che offrono
formazione per il Personale della scuola

LORO SEDI

Al sito USR Lombardia

 

Oggetto: Riconoscimento di singoli corsi di formazione ai sensi della Direttiva Ministeriale 170/2016. rif corsi per 2017/18.

Con riferimento all’oggetto, si richiama l’attenzione sulle disposizioni contenute nella nuova Direttiva 170/2016 (la Direttiva insieme ai vari modelli allegati ed alle FAQ è reperibile sul sito del Ministero all’interno dell’archivio focus ed ad ogni buon conto si allega) ed in particolare all’art.5 che riguarda anche il riconoscimento dei corsi a carattere regionale.

In particolare, la normativa di riferimento concede ampia autonomia agli Uffici scolastici regionali per quello che riguarda le modalità e tempistiche di riconoscimento dei corsi a carattere regionale.

Onde facilitare l’invio delle richieste di riconoscimento dei corsi relativi all ‘a.s. 2017/18 si è deciso di suddividere la presentazione delle richieste di riconoscimento in due fasi:

  • A partire dal 05.10.2016 e fino al 30.10.2016 sarà disponibile un modulo on line (clicca qui per accedere) in cui l’ente potrà registrarsi immettendo i dati relativi ai corsi proposti, al periodo di massima previsto per lo svolgimento, al luogo di svolgimento, al rappresentante legale, ai destinatari (numero e tipologia);
  • Successivo invio tramite modalità on line o per posta degli atti necessari al perfezionamento della domanda da completarsi entro il termine perentorio del 15.11.2016 (curricula dei relatori e documentazione sulle finalità societarie – vedi sotto).

Per quanto riguarda il punto 2) non saranno prese in considerazione invii di materiale da parte di Enti nel caso in cui non si sia perfezionata l’iscrizione prevista per il punto 1

A tale scopo l’USR riscontrerà puntualmente, nei giorni successivi al termine della fase 1, agli enti che hanno proceduto alla iscrizione on line l’avvenuta presa in carico della loro domanda.

Per quanto riguarda la normativa specifica di interesse, l’art 5 e l’allegato alla Direttiva 170/2016 fissano dei capisaldi cui non è possibile derogare anche in ambito regionale e che si possono così riassumere:

1) Non sono tenuti alla richiesta di riconoscimento gli Enti e le Associazioni accreditati o qualificati per la formazione presso il M.I.U.R. e tra questi, rientrano tutte le Istituzioni scolastiche, le Università, le istituzioni di alta formazione artistica museale e coreutica, gli enti pubblici di ricerca, le istituzioni museali, e gli enti culturali rappresentanti i Paesi le cui lingue sono incluse nei curricola scolastici italiani;

2) l’Ente deve (analogamente a quanto previsto per la procedura di accreditamento e/o qualificazione) proporre formazione in almeno uno degli ambiti trasversali e specifici riportati nell’allegato 1 della citata Direttiva;

3) L’ente deve essere dotato di atto costitutivo e statuto redatto per atto pubblico, dal quale deve risultare la finalità societaria (tra le altre) della formazione in almeno uno degli ambiti trasversali e specifici riportati nell’allegato 1 della citata Direttiva;

4) L’ente deve allegare anche un progetto formativo di almeno 20 ore di corso ricalcando nelle modalità di presentazione l’elencazione dalla lettera a) alla lettera i) di cui al comma 4 art 5 Direttiva 170/2016;

Si sottolinea inoltre quanto segue:

  1. L’accreditamento di un corso lo rende disponibile ai soggetti interessati, singoli oppure istituzioni scolastiche, per l’inserimento nel proprio personale percorso di formazione o nel piano di formazione dell’istituto;
  2. Ogni corso deve ammettere iscrizioni di tutti i soggetti interessati fino a capienza;
  3. Non rientrano tra i corsi da accreditare quelli organizzati da istituzioni scolastiche e da queste ultime erogate in titolarità dell’iniziativa formativa, in cui le istituzioni scolastiche si avvalgano di enti scelti con procedura comparativa per la fornitura di esperti e relatori;
  4. Non possono essere accettate domande provenienti da Associazioni che prevedono nell’atto costitutivo e soprattutto nello statuto la sola formazione degli associati; oltre a questo l’Ente deve proporre formazione rivolta al personale del comparto scuola e rispettare quanto previsto nell’art 5 punto 5 della Direttiva, ossia prevedere tra le finalità del Soggetto/Associazione richiedente la formazione e la ricerca nel settore o ambito disciplinare prevalente (che deve essere già contenuto nel relativo Statuto);
  5. È previsto, analogamente a quanto accade per le procedure di accreditamento e qualificazione, un riconoscimento regionale di durata triennale per gli enti che soddisfino a pieno titolo le caratteristiche richieste dalla Direttiva 170/2016, che conseguentemente negli anni seguenti dovranno presentare solo le date di effettuazione dei singoli corsi e i curricula dei relatori individuati, oltre che la documentazione consuntiva di rito. Ciò, si intende, relativamente agli ambiti trasversali e specifici di cui alla domanda già presentata; l’individuazione di nuovi ambiti, se non già ricompresi nell’oggetto sociale o nelle finalità societarie, comporta l’integrazione della documentazione con l’invio del nuovo atto costitutivo o statuto che li introduce.

Pertanto, stante l’ immediata entrata in vigore della Direttiva, si invitano gli enti che intendessero presentare richiesta di riconoscimento corsi per l’a.s. 2017/18 e non fossero al momento in pieno possesso dei requisiti sopra descritti ad inviare la modifica statutaria e, qualora sprovvisti, a dotarsi dell’atto costitutivo entro il termine perentorio del 15 novembre 2016; qualora fossero stati riconosciuti, secondo i canoni della cessata Direttiva 90/2003, per corsi che avessero inizio nel 2017, si invitano gli Enti a dotarsi dei requisiti sopra citati  prima che inizi l’attività formativa.

Per quanto riguarda le iniziative formative concernenti l’a.s. 2017/18 e richiamando i punti f) destinatari e g) periodo di svolgimento si invita l’ente a fornire dettagli il più possibile precisi e a sottoscrivere una dichiarazione a firma del rappresentante legale in cui si impegna a tenere comunque il corso; anche in questo caso il tutto deve essere inviato entro il medesimo termine perentorio del 15 novembre 2016.

Si fa presente che il mancato invio e/o l’incompleta presentazione dell’atto costitutivo e dello statuto e di una parte rilevante della documentazione di cui ai punti b e c secondo i termini perentoriamente previsti comporta l’esclusione dalla procedura.

Da ultimo, così come richiamato in precedenza tutta la documentazione a perfezionamento della domanda può a scelta degli enti essere inviata o per posta ordinaria o via mail:

  • Per posta ordinaria riportando all’esterno della busta la seguente dicitura ”Rif. Direttiva 170/2016 per a.s. 2017/2018” al seguente indirizzo: USR Lombardia Ufficio VII Personale della scuola Quinto Piano Stanza 3 via Pola, 11 20146 Milano.
  • Per e-mail al seguente indirizzo: drlo@postacert.istruzione.it e per conoscenza a lorenzomaria.borromeo@gmail.com

Successivamente, dopo la data del 15 novembre 2016, tutta la documentazione presentata sarà esaminata da una Commissione Tecnica Regionale, nominata dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia.

La Commissione, che ha facoltà di richiedere nel corso della verifica ulteriore documentazione agli interessati, opererà nel corso dell’anno scolastico 2016/17 per predisporre l’elenco delle iniziative di formazione riconosciute per l’anno scolastico 2017/2018.

 

F.to Il dirigente
Luca Volontè
(firma autografa sostituita a mezzo stampa ex art 3 co 2 D.lgs 39/93)

 

Allegati

 

LV/lb
Per informazioni:
Lorenzo Maria Borromeo
lorenzomaria.borromeo@istruzione.it
Tel. 02 574 627 284

  • Condividi questo post su Facebook

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano