Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare: assegnazione risorse finanziarie 2013/2014

Indicazioni operative per la gestione, la documentazone e la valutazione degli interventi relativi alla scuola in ospedale e a domicilio.

logo-pdf

Direzione Generale
Ufficio IV – Rete scolastica e politiche per gli studenti
Via Pola. 11 – 20124 –  Milano
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6121
Milano, 19 marzo 2014

Ai dirigenti scolastici
degli istituti della Lombardia

Ai dirigenti scolastici
Scuole in ospedale della Lombardia

Oggetto: Indicazioni operative per la gestione degli interventi relativi alla scuola in ospedale e a domicilio. – Assegnazione risorse finanziarie per la scuola in ospedale e l’istruzione domiciliare, per l’anno scolastico 2013 – 2014  (D.M. n. 821/2013, art. 8 – A.F. 2013)

Si trasmette il piano di riparto delle risorse finanziarie, destinate a garantire i servizi di scuola in ospedale e di istruzione domiciliare per l’anno scolastico 2013/2014.

Il finanziamento complessivo nazionale pari ad €. 2.470.000,00 è stato ripartito tra tutte le scuole con sezioni ospedaliere in relazione al numero totale degli studenti di ogni regione e al flusso di studenti in ospedale, con un’attenzione per le situazioni di maggiore complessità.

Quest’anno la quota complessiva assegnata alla scuola polo regionale (Liceo Maffeo Vegio di Lodi)  è comprensiva delle risorse per il funzionamento delle sezioni ospedaliere della scuola, della quota regionale per l’istruzione domiciliare e di una quota a supporto di realtà o progettualità o esigenze regionali nuove rispetto ai flussi 12/13. La definizione di tale importo è affidata a ciascun Ufficio Scolastico Regionale, che si avvarrà della collaborazione del Comitato regionale per la scuola in ospedale e a domicilio.

Con l’occasione, si richiamano i criteri preferenziali da seguire per la redistribuzione delle stesse da parte di Dirigenti delle scuole destinatarie del finanziamento:

  • assegnazione della quota corrispondente all’importo di €. 258,00 per ogni docente (con orario di cattedra) in organico di ogni scuola con sezione ospedaliera, da inserire nel fondo per la retribuzione individuale di tali docenti;
  • riserva di  una quota per il finanziamento di ore aggiuntive per le discipline d’indirizzo della scuola secondaria di 2° grado (rif. a scuola polo);
  • riserva di una quota parte delle risorse  per far fronte ai progetti di Istruzione Domiciliare delle scuole di ogni ordine e grado del territorio e ai bisogni rilevati (rif. a scuola polo);
  • riserva di  una quota risorse per  iniziative di formazione e di sensibilizzazione dei docenti sia per la scuola in ospedale sia per l’istruzione domiciliare e di altre iniziative culturali mirate a limitare il disagio scolastico del minore ospedalizzato o a domicilio (rif. a scuola polo).

Rispetto all’Istruzione domiciliare, come già precisato, è necessario che ciascuna scuola riservi una quota parte di risorse del fondo d’istituto per far fronte ad eventuali richieste di istruzione domiciliare che si dovessero presentare in corso d’anno, allo scopo di garantire il diritto all’istruzione a quegli  alunni che presentino temporanee difficoltà a frequentare.

A tale proposito si rimanda alle procedure e alle modalità per attivare i progetti già comunicati nella nota http://www.istruzione.lombardia.gov.it/protlo13411_13/

Funzionamento del servizio ospedaliero e domiciliare: particolarità della valutazione ed esami di stato

Il servizio di scuola in ospedale si configura a tutti gli effetti secondo la modalità di “scuola fuori della scuola”; ne consegue che come tale esso va documentato e valutato sia da parte della sezione ospedaliera che da parte della scuola di provenienza dello studente ospedalizzato (si veda a tale proposito la nota http://www.istruzione.lombardia.gov.it/protlo13349_13/

Rispetto alla valutazione si richiama, in particolare, il Regolamento in materia di valutazione, DPR n. 122/2009, art. 11 e art. 14, comma 7, e la successiva nota prot. n. 7736 R.U. del 27 ottobre 2010 della D.G. per gli Ordinamenti Scolastici relativa a “Chiarimenti sulla validità dell’anno scolastico, ai sensi dell’articolo 14, comma 7 DPR n.122/2009”.

Per quanto attiene agli esami di stato si sottolinea la possibilità, per gli studenti ospedalizzati o in istruzione domiciliare e impossibilitati a rientrare nella scuola di appartenenza, di svolgere gli esami nella struttura in cui sono ricoverati o presso il proprio domicilio.

Tale situazione va segnalata per tempo, a cura del Dirigente della sezione ospedaliera o della scuola di appartenenza, all’Ufficio III e IV dell’USR mail uff3-lombardia@istruzione.it, uff4-lombardia@istruzione.it per poter definire le modalità organizzative.

Compiti del dirigente scolastico della scuola con sezione ospedaliera

Si richiamano infine alcune indicazioni allo scopo di attivare un corretto flusso di informazioni tra la scuola in ospedale e la scuola di appartenenza.

Nel momento in cui un alunno entra in ospedale e accetta di essere seguito dai docenti della sezione ospedaliera del rispettivo  ordine e grado di scuola, è indispensabile che il docente ospedaliero a ciò deputato informi  il dirigente scolastico della sua scuola perché attivi, attraverso il canale istituzionale,  la comunicazione dell’avvenuta presa in carico del ragazzo da parte della sezione ospedaliera, con richiesta di tutte le informazioni sul  percorso di apprendimento svolto e sulle indicazioni relative alla parte che lo studente dovrà affrontare in ospedale, con specifico riferimento alle competenze da sviluppare e far acquisire.

Questo contatto è indispensabile e deve avvenire subito dopo il ricovero e l’iscrizione alla sezione ospedaliera, in presenza di medio o lunghe degenze.

A conclusione del ricovero sarà cura dei docenti della scuola in ospedale trasmettere alle scuole di appartenenza tutti gli elementi relativi alla frequenza e alle attività svolte, nonché alle valutazioni ottenute, allo scopo di mettere in grado i docenti della scuola di provenienza di valutare e scrutinare l’alunno al suo rientro in classe, in base alle competenze acquisite.

Tutte le informazioni relative alle scuole in ospedale e all’istruzione domiciliare sono reperibili nella pagina http://www.istruzione.lombardia.gov.it/organigramma/uffici/ufficio-4/scuola-in-ospedale/ oppure nel Portale scuola in ospedale e a domicilio http://pso.istruzione.it

Confidando nella consueta collaborazione, si ringrazia.

Il direttore generale
Francesco de Sanctis

Allegati

/bb

Referente: Bruna Baggio
tel 02 574 627 261
e mail bruna.baggio@istruzione.it

  • Condividi questo post su Facebook

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano