Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Servizio di Istruzione Domiciliare

Principali indicazioni operative sugli interventi formativi a domicilio per gli alunni colpiti da gravi patologie o impediti a frequentare la scuola per un periodo di almeno trenta giorni.

Direzione Generale
Ufficio IV – Rete scolastica e politiche per gli studenti
Via Ripamonti, 85 – 20141 –  Milano
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 15603
Milano, 29 settembre 2010

Ai Dirigenti degli UST
della Lombardia

Ai dirigenti scolastici
delle scuole ed istituti di ogni ordine e
grado della Lombardia

Al Dirigente Scolastico I.C. di Vizzolo Predabissi
Scuola Polo regione Lombardia

Oggetto: Servizio di Istruzione Domiciliare per gli insegnamenti di ogni ordine e grado. Legge n. 440/97 – Anno scolastico 2010/11

Premessa

In attesa di ricevere la circolare ministeriale per l’a.s. 2010/2011 si ritiene opportuno fornire, essendosi ormai avviato l’anno scolastico, le principali indicazioni operative sugli interventi formativi a domicilio per gli alunni colpiti da gravi patologie o impediti a frequentare la scuola per un periodo di almeno trenta giorni (CC.M. n.149 del 10/10/2001 – C.M. n. 84 del 22/07/2002 – C.M. n. 56 del 4/07/2003 – C.M. 4308/AO del 15/10/2004 -C.M. prot. 5296 del 26/09/2006 – C.M. prot. n.108 del 05/12/2007 – C.M.87 prot. 272 del 27/10/2008).

Finanziamenti

Il servizio di istruzione domiciliare utilizza specifici finanziamenti ministeriali che devono ancora essere definiti per il corrente anno scolastico.

In considerazione del numero sempre crescente dei progetti di istruzione domiciliare negli ultimi anni (nel solo anno scolastico 2009-10 sono pervenuti più di 150 progetti con relative richieste di finanziamento) e visto che le richieste di finanziamento pervengono praticamente durante tutto il corso dell’anno scolastico (e che non è prevedibile quantificarne l’entità poiché sono legate all’insorgenza della patologia riferita all’alunno) si ritiene necessario che ogni Istituzione scolastica, oltre ad inserire nel POF l’area di progetto per l’istruzione domiciliare, debba prevedere un concorso finanziario al progetto stesso, attraverso risorse proprie o di altri enti, pari almeno al 30% della somma richiesta.
Ovviamente la misura esatta del contributo spettante potrà essere definita solo a consuntivo, in relazione alle risorse complessive disponibili, al numero di progetti pervenuti ed alle relative richieste, ai criteri predefiniti in sede di gruppo di lavoro etc.

Attivazione del progetto

Si allegano i modelli da compilare per l’attivazione di un Progetto di istruzione domiciliare che, si ribadisce, deve figurare nel Piano dell’Offerta Formativa (ovviamente si fa riserva di eventuali diverse indicazioni che dovessero emergere dalla circolare ministeriale relativa al corrente anno scolastico):

  • mod. P Modello“Progetto” nel quale vanno indicate le notizie relative all’Istituzione Scolastica richiedente il finanziamento, i dati dell’alunno, le ore di lezione previste, il numero dei docenti coinvolti, la previsione dell’impegno di spesa, la descrizione del progetto educativo-didattico. Considerato il rapporto privilegiato uno a uno tra docente e alunno, il monte ore si attesterà indicativamente su una media di 20 ore mensili;
  • mod. S Certificazione sanitaria ospedaliera, con specificazione del periodo di terapia e/o convalescenza;
  • mod. G Richiesta/consenso del genitore dell’alunno;
  • mod. D dichiarazione del Dirigente Scolastico relativa all’approvazione del C.d.I., e del Collegio docenti agli incarichi.

La Scuola Polo, d’intesa con l’ USR Lombardia, previo esame e parere del “Gruppo di Lavoro” istituito presso questo Ufficio, invierà ad ogni scuola che avrà presentato un progetto di istruzione domiciliare una comunicazione scritta a riscontro, con indicazione anche dell’eventuale documentazione da fornire a perfezionamento della domanda.

La richiesta di autorizzazione all’attivazione del progetto di Istruzione domiciliare e Ospedaliera, quest’ultima riferita solo alla scuola secondaria di II° grado, deve essere inviata, in unica copia,
alla Scuola Polo I.C. della Margherita – Via Verdi, 3 – 20070 Vizzolo Predabissi MI – tel. 02.9832961 fax 02.9832128 – indirizzo e-mail miic8a300d@istruzione.it .

Si ribadisce che la durata del servizio di istruzione domiciliare deve corrispondere al periodo temporale indicato nel certificato rilasciato dall’ospedale di cura e che solo gli interventi autorizzati potranno essere successivamente retribuiti.

Rendicontazione del progetto

Al termine del progetto la scuola che ha effettuato l’intervento trasmetterà immediatamente alla Scuola Polo la necessaria rendicontazione utilizzando i seguenti modelli:

  • mod. C Relazione del percorso educativo dello studente comprensivo di crediti da allegare al registro;
  • mod. OF Registro del docente con firme del genitore;
  • mod. R Riepilogo ore di insegnamento per istruzione domiciliare;
  • mod. V Relazione finale del progetto;
  • mod. Z Scheda consuntivo 2010-11.

La Scuola Polo – previa verifica di regolarità – provvederà all’assegnazione della quota lorda spettante (fondi L.440/97), in base alle risorse disponibili e ai criteri di ripartizione predefiniti, all’Istituzione Scolastica che ha presentato il progetto, la quale liquiderà poi le competenze ad ogni singolo docente.

I risultati della valutazione dell’alunno (mod. C – credito formativo) e le eventuali operazioni di scrutinio/esame saranno di competenza dei docenti che hanno prestato l’attività d’insegnamento (consiglio di classe eventualmente integrato dai docenti delle diverse istituzioni scolastiche).

Nel caso di alunno ospedalizzato, seguito con progetto mirato “per gli insegnamenti disciplinari delle aree di indirizzo per le scuole secondarie di II grado (CM prot. 5296/A4 del 26.9.2006 – p.3)” che faccia rientro nella scuola di provenienza, sarà inviato anche a tale scuola il mod. C sopraindicato contenente la relazione del percorso educativo dello studente comprensivo dei crediti.

Precisazioni

Potranno essere retribuiti con le risorse finanziarie di cui trattasi, ove effettivamente assegnate ai sensi della legge 440/97, soltanto il servizio di Istruzione Domiciliare per tutti gli ordini e gradi di scuola e l’attività d’insegnamento disciplinare delle aree di indirizzo in ospedale, per le scuole secondarie di II grado svolti nelle ore aggiuntive di insegnamento.

Non potranno pertanto essere oggetto di compenso le attività di “non insegnamento”, quelle svolte non come orario aggiuntivo ed eventuali indennità di missione. Ovviamente tali compensi – qualora ritenuto necessario – potranno essere liquidati dalle singole scuole attingendo a proprie risorse (es. Fondo di Istituto).

Si ricorda che costituisce un impegno delle scuole nei confronti degli alunni iscritti provvedere alla progettazione degli interventi con i propri insegnanti o se del caso con insegnanti delle scuole viciniori, previa definizione formale di “Intese di rete” tra i dirigenti scolastici delle scuole del territorio.

Per quanto riguarda l’attribuzione della quota di € 258 per i docenti di scuola ospedaliera in organico, si rimanda a quanto espressamente indicato nella recente nota MIUR – D.G. Studente, prot. AOODGSCn. 122 del 13.1.2009 (risposta a quesiti).

Si ricorda infine che dall’a.s. 2003/2004 è attivo il Progetto HSH@Network: attività d’insegnamento e di formazione on line http://pso.istruzione.it/.

Anche per l’istruzione domiciliare è prevista, previa verifica della disponibilità di collegamento presso l’abitazione dello studente, l’attivazione di un collegamento Internet.

Tale attivazione, da inserire nel progetto di istruzione domiciliare, dovrà essere richiesta dalla scuola di appartenenza dell’alunno alla Scuola Polo – I.C. di Vizzolo P., previa istanza del genitore interessato. Contestualmente è possibile chiedere l’assegnazione di un PC portatile e di una stampante.

Il PC dovrà essere restituito al termine del periodo di istruzione domiciliare. Le operazioni di ritiro e consegna del PC e della stampante sono a carico dei genitori dell’alunno e avverranno presso la Scuola Polo di Vizzolo.

Eventuali ulteriori chiarimenti potranno essere richiesti alla Scuola Polo

  • Istituto Comprensivo della Margherita –  Vizzolo Predabissi – Dirigente Scolastico Laura Fiorini – tel. 02.9832961.

Nel sottolineare l’importanza dell’istruzione domiciliare come opportunità per gli alunni, colpiti da malattia, ad avere una continuità scolastica e relazionale, si confida nella consueta collaborazione.

Per ogni ulteriore indicazione le SS.LL. faranno al momento riferimento all’ultima Circolare MIUR in materia, n. 87 prot. AOODGSC n. 272 del 27/10/2008, in attesa delle annuali disposizioni ministeriali.

Il dirigente
Morena Modenini

Allegati

Modelli in formato compresso
Titolo: Modelli in formato compresso (0 click)
Etichetta:
Filename: protlo15603_10all1.zip
Dimensione: 63 KB

Riferimenti:

Scuola Polo:Istituto Comprensivo della Margherita –  Vizzolo Predabissi
Dirigente Scolastico Laura Fiorini
tel. 02.9832961 –  fax 02.9832128 – indirizzo e-mail miic8a300d@istruzione.it .

Referente tecnico Isp. Francesco Provinciali
indirizzo e-mail  fprovinciali@istruzione.lombardia.it

Referente Ufficio IV per la Scuola in Ospedale e l’Istruzione domiciliare
Prof.ssa Bruna Baggio Mail bruna.baggio@istruzione.it

  • Condividi questo post su Facebook

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano