Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Formazione delle classi prime nella scuola secondaria di secondo grado

Indicazioni operative in merito alla formazione delle classi secondo i parametri previsti dal Regolamento D.P.R. 20 marzo 2009, n. 81.

Direzione Generale
Ufficio VI – Personale della scuola
Via Ripamonti, 85 – 20141 –  Milano
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 1545
Milano, 15 febbraio 2011

Ai dirigenti degli Ambititi Territoriali
della Lombardia

Ai dirigenti delle scuole secondarie di
secondo grado statali della Lombardia

Ai dirigenti delle scuole secondarie di
primo grado statali e paritarie
della Lombardia

Oggetto: Formazione delle classi prime nella scuola secondaria di secondo grado – indicazioni operative

Conclusa la fase delle iscrizioni alla scuola secondaria di secondo grado, le istituzioni scolastiche statali devono ora provvedere a una delicata fase di verifica e razionalizzazione delle iscrizioni stesse, finalizzata alla formazione delle classi secondo i parametri previsti dal Regolamento (D.P.R. 20 marzo 2009, n. 81). Conformemente a quanto previsto dalla nota del 14 gennaio 2011, n. 288, emanata da questa Direzione Generale d’intesa con Regione Lombardia, gli interventi di riorientamento e di redistribuzione delle iscrizioni dovranno concludersi entro il 25 febbraio: a tal fine si forniscono di seguito alcune indicazioni operative, che dovranno puntualmente essere osservate nell’ottica di un approccio unitario al problema, anche a garanzia della necessaria uniformità di trattamento sull’intero territorio regionale.

Le modalità di intervento distingueranno, per ragioni pratiche, due diverse fasi.

FASE 1:    le istituzioni scolastiche di secondo grado verificheranno la consistenza delle iscrizioni attraverso l’anagrafe regionale; qualora il numero di iscritti sia inferiore a 20, i dirigenti scolastici, con il consenso delle famiglie interessate, provvederanno al riorientamento delle iscrizioni, secondo il seguente ordine di priorità:

1)     riorientamento degli iscritti, all’interno della medesima istituzione scolastica, fra diverse articolazioni del medesimo indirizzo, ovvero tra diversi indirizzi del liceo artistico. La procedura sarà gestita direttamente dalla scuola secondaria di secondo grado, che provvederà immediatamente a registrare la modifica sul sistema informativo regionale

2)     riorientamento degli iscritti, all’interno della medesima istituzione scolastica, fra diversi indirizzi, ovvero fra diverse tipologie di percorsi liceali. La procedura sarà gestita direttamente dalla scuola secondaria di secondo grado, che provvederà immediatamente a registrare la modifica sul sistema informativo regionale

3)     riorientamento degli iscritti fra istituzioni scolastiche diverse. A tal fine i dirigenti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado, cui è stata indirizzata l’istanza di iscrizione nel termini previsti, provvederanno a respingere l’iscrizione per il tramite del sistema informativo regionale; in tal modo l’alunno la cui iscrizione sia stata rifiutata tornerà in carico alla scuola secondaria di primo grado che, preso contatto con la scuola secondaria di secondo grado indicata come seconda scelta, provvederà a formalizzare sul sistema informativo regionale la nuova iscrizione. Qualora, per qualsiasi motivo, la nuova iscrizione non potesse essere accettata, il dirigente scolastico della scuola secondaria di primo grado, in accordo con le famiglie, indirizzerà l’alunno ad una scuola secondaria di secondo grado che sia in condizione di accoglierla, registrando al contempo la nuova iscrizione al sistema informativo regionale. Nella gestione di questa ultima fase, sarà determinante il ruolo di raccordo e di equilibrio fra le diverse esigenze svolto dagli uffici scolastici territoriali competenti.

La prima fase dovrà concludersi inderogabilmente entro il 19 febbraio.

FASE 2:    sulla base di quanto previsto dall’art. 16, cc. 1 e 2, del Regolamento, i dirigenti scolastici delle istituzioni di secondo grado dovranno attivare le classi prime con un numero di alunni compreso fra i 27 e i 30 – o 25 e 30, nel caso previsto dall’art. 16, c.5. A tal fine, al numero degli alunni regolarmente iscritti andrà aggiunta la stima, desunta dalla serie storica dell’ultimo triennio, della differenza tra il numero degli alunni frequentanti la classe prima all’inizio delle lezioni e il numero degli alunni regolarmente iscritti al termine delle procedure di iscrizione. Detta stima, che coinvolge direttamente e pienamente la responsabilità dirigenziale, andrà comunque valutata da parte dell’ufficio scolastico territoriale competente, che verificherà la sussistenza delle condizioni per attivare le classi nel numero richiesto da parte dei dirigenti scolastici, ovvero interverrà provvedendo a organizzare diversamente la formazione delle classi, tenendo conto che in nessun caso potranno essere attivate classi con un numero di iscritti provenienti dalla classe terza della scuola secondaria di primo grado inferiori a 20. Dovrà essere parimenti posta particolare attenzione ad evitare che, a seguito degli scrutini finali e della chiusura degli scrutini sospesi, si vengano a creare classi composte da più di 30 alunni, rispetto alle quali si chiarisce fin d’ora che non sarà possibile attuare alcuno sdoppiamento.

A puro titolo esemplificativo, qualora in un determinato percorso scolastico la serie storica degli alunni effettivamente frequentanti all’inizio delle lezioni sia superiore mediamente di 5 unità per classe rispetto al numero delle istanze di iscrizione presentate nei tempi previsti, il dirigente scolastico potrà proporre l’attivazione di classi con un numero di alunni iscritti entro il 12 febbraio oscillante fra 22 e 25; analogamente, con la stessa serie storica e un numero di iscritti pari a 28, sarà necessario provvedere al riorientamento di almeno tre iscrizioni.

Eventuali iscritti in eccedenza rispetto a quelli accoglibili nelle classi attivate, individuati applicando i criteri deliberati a suo tempo dai Consigli di Istituto (cfr. la nota emanata da questo ufficio in data 21 dicembre 2010, prot. AOODRLO 20148) dovranno essere trattati sulla base delle stesse procedure illustrate per la fase 1. Gli uffici territoriali avranno cura di seguire direttamente lo svolgimento della fase 2; l’acquisizione al sistema informativo regionale dei singoli passaggi e degli esiti finali di questa fase sarà in capo alle istituzioni scolastiche competenti secondo quanto illustrato nella fase 1.

Confidando nella consueta fattiva collaborazione, si porgono distinti saluti.

Il dirigente
Luca Volontè

LV/

Per informazioni: Luca Volonté
02 574 627 279 – fax 02 574 627 341
uff6-lombardia@istruzione.it

  • Condividi questo post su Facebook

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano