Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Valutazione della qualità del sistema scolastico

Contesto normativo

La cultura e la prassi della valutazione e della qualità nella scuola sono di assai recente attualità se si pensa che la prima riflessione pedagogica sulla valutazione degli studenti è contenuta nella C.M. Numero 1 del 20/09/1971 e concetti quali produttività dl sistema, obiettivi di qualità da perseguire, parametri di valutazione della efficacia della spesa sono introdotti nell’art. 603 del T.U. n. 297 del 1994.

Sulla necessità di considerare il processo formativo come un fenomeno scomponibile in segmenti e quindi di fatto come oggetto possibile di analisi sotto i distinti profili dell’efficacia e dell’efficienza convergono oggi unanimemente le opinioni del mondo scientifico e pedagogico. Enorme è infatti la produzione di scritti su questo tema. Si può però affermare che se da un lato “valutare è necessario” dall’altro rimangono aperte numerose questioni di non facile ricomposizione. Valutare: ma chi valuta e che cosa si valuta e come si valuta? Le implicanze scientifiche, sindacali e politiche di queste domande danno il segno di una strada intrapresa, ma di non facile percorso.

Può, pertanto, essere utile una rilettura della normativa emanata dal MIUR su questo tema per cogliere lo sviluppo del problema “qualità”.

Si evidenzia un pensiero in evoluzione e la sempre più radicata convinzione dell’importanza del “miglioramento della qualità del servizio, della ricerca di una maggiore soddisfazione dei bisogni e delle attese di utenti e operatori, dell’impegno costante per garantire l’affidabilità del servizio offerto in tutti i suoi aspetti, dell’orientamento verso risultati di apprendimento crescenti per gli studenti, tali da promuoverne in misura sostanziale il successo formativo“. (da Nota Ministeriale del 9/1/2001)

Riferimenti

  • Direttiva 1/5/1997, n. 307: “Costituzione del Comitato di Coordinamento e del Servizio Nazionale per la qualità dell’istruzione presso il CEDE”
  • C.M. 26/6/1997, n. 403: Servizio nazionale per la qualità dell’istruzione- Trasmissione Direttiva n. 307 del 21 maggio 1997
  • C.M. 13/2/97, n. 100: Istituti comprensivi di scuola materna, elementare e media: azioni di assistenza, monitoraggio e formazione per l’anno scolastico 1996/1970
  • C.M. 29/9/1997, n. 603: Indicatori scolastici e indicatori del contesto socio-economico
  • Legge 23/12/1998, n. 448: Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo (Stralcio – art. 26, 27, 29)
  • D.P.R. 8/3/1999, n. 275: Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell’art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59
  • D. L.vo 20/7/1999, n. 258: Riordino del Centro europeo dell’educazione, della biblioteca di documentazione pedagogica e trasformazione in Fondazione del museo nazionale della scienza e della tecnica “Leonardo da Vinci”, a norma dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1999, n. 59
  • D. L.vo 30/7/1999, n. 286: Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attività svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell’articolo 11 della L. 15 marzo 1997, n. 59
  • Art. 75 del D. L.vo 30/7/1999, n. 300: Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art. 11 della legge 15/3/1997, n. 59
  • Art. 76 del D.Lvo. 30.07.1999, n. 300 Riforma dell’organizzazione del Governo, a norma dell’art. 11 della legge 15/3/1997, n. 59
  • D.P.R. 21/9/2000, n. 313: Regolamento recante organizzazione dell’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema dell’Istruzione, attuativo degli articoli 1 e 3 del decreto legislativo 20 luglio 1999, n. 258
  • Posizione comune (CE) n. 53/2000, del 9 novembre 2000, definita dal Consiglio, deliberando in conformità della procedura di cui all’articolo 251 del trattato che istituisce la Comunità europea, in vista dell’adozione di una raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio sulla collaborazione europea per la valutazione della qualità dell’insegnamento scolastico. Gazzetta Ufficiale n. C 375 del 28/12/2000 pag. 0038 – 0043
  • Nota Ministeriale 9 gennaio 2001 La qualità nel sistema dell’istruzione e il relativo percorso
  • D.P.R. 06/3/2001, n. 190: Regolamento concernente l’organizzazione degli Istituti regionali di ricerca educativa, a norma dell’articolo 76 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300
  • Legge 28 marzo 2003, n.53Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale“.
    In particolare, vedasi riferimenti alla valutazione negli art.3 “Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione” e nell’art.4 “Alternanza scuola-lavoro”
  • Decreto Legislativo 19 febbraio 2004, n. 59 – Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53.
    In particolare,vedasi riferimenti alla valutazione negli art.8 “La valutazione nella scuola primaria” e nell’art.11 “Valutazione, scrutini ed esami”
  • Servizio Nazionale di Valutazione dell’Istruzione e della Formazione e il riordino dell’INVALSI (25 marzo 2004)

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano