Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Certificazione

La certificazione è azione o prodotto del certificare che significa etimologicamente dal latino “fare certo”.

La certificazione di sistema di gestione per la qualità (regolata dalle Norme ISO 9001:2000) assicura la capacità di una Organizzazione (produttrice di beni e/o fornitrice di servizi) di strutturarsi, gestire le proprie risorse, governare i propri processi in modo da riconoscere e soddisfare i bisogni del cliente ed, anche, l’impegno a migliorarsi.

Anche nella scuola si è diffusa e in Lombardia, in particolare, con percentuale significativa rispetto alla situazione nazionale. L’elenco (xls, 145 kb, agg. 1 settembre 2008) degli istituti lombardi certificati è stato aggiornato in base alle autosegnalazioni delle scuole e degli enti con i riferimenti di certificazione e in base alla fonte Sincert integrata. Si invitano le scuole certificate a segnalare correzioni od estensioni per mantenere l’elenco corretto ed aggiornato.

Per facilitare e rendere trasparente l’opera di certificazione si è proposta “La carta deontologica della certificazione della scuola”.

La certificazione secondo la norma citata è per settori e il settore che interessa l’ambito scolastico è quello dell’Istruzione denominato A 37. Recentemente si è aperto il dibattito circa il settore A 38f richiesto dalla Regione Lombardia per l’Accreditamento del Servizio di orientamento (a fronte dell’A 37 per l’accreditamento dell’attività di formazione).

Per quanto riguarda la posizione espressa dalla Regione Lombardia si rinvia alla consultazione del sito regionale) ed, in particolare, per la posizione relativa alla riconsiderazione per la scuola del solo A 37 alla precisazione del 19 marzo 2004.
Per contestualizzare la differenziazione dei settori è opportuno richiamare che:

  • (con riferimento alla pubblicazione ISTAT, metodi e norme-serie C- n.11, ed 1991) “ la classificazione delle attività economiche non va confusa con una classificazione di beni e servizi, né tanto meno con una classificazione di professioni o mestieri e che l’attività svolta da una determinata unità produttiva rappresenta il tipo di produzione in cui è impegnata, ed è quindi quella caratteristica dell’unità secondo la quale verrà raggruppata con altre unità al fine di elaborare particolari statistiche”;
  • la classificazione delle attività economiche adottata dall’Istat (ATECO 1981) si basa sulla nomenclatura generale delle attività economiche nelle Comunità europee (NACE 1970);
  • un gruppo di lavoro costituito da rappresentanti dell’EUROSTAT e degli Stati membri ha elaborato una versione riveduta denominata NACE rev.1 il cui schema è stato pubblicato sulla G.U. delle Comunità Europee l.293 del 24/10/1990 in allegato al regolamento CEE n. 3037/90 del Consiglio del 9/10/90, relativo alla classificazione statistica delle attività economiche nelle comunità europee
  • “tutte le unità produttive che esercitano lo stesso genere di attività economica sono classificate in un’unica categoria, senza distinzione alcuna riguardo alla loro forma giuridica, al titolo di possesso, alla forma di conduzione dell’impresa” (rif.iniziale).

Se si considera la “Tabella di corrispondenza tra i settori di accreditamento e la codifica NACE”
(tratta da pubblicazione SINCERT /Riferimenti: EA-7/01 – Guidelines on EN 45012, February 1998 e Official Journal L83, 3 Aprile 1993-Rev.1) si rileva che il settore A 38 corrisponde nella codifica NACE alla Div 85 descritta come Sanità ed altri servizi sociali e, in particolare, il 38f alla Div 85 Gru 32 descritta come Assistenza sociale non residenziale.

Nella declaratoria di questa classe di attività sono comprese oltre ad attività prettamente di soccorso ed assistenza (come, ad esempio, a profughi, a vittime di calamità, ad handicappati, ad anziani…) attività di formazione o di riconversione professionale a favore di handicappati o, di disoccupati, purché la componente scolastica sia limitata.

Poiché il Servizio di orientamento è orientamento professionale e, cioè, di promozione al lavoro, di facilitazione e mantenimento relativo, è da intendersi servizio specifico, al di là dell’azione orientativa componente della formazione di base esercitata dalla scuola.

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano