Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - Ufficio X - AT di Milano - Via Soderini 24, 20146 Milano - Tel. 02 92891.1 Centralino
Codice Ipa: m_pi - PEC uspmi@postacert.istruzione.it - E-mail: usp.mi@istruzione.it - Codice AOO: AOOUSPMI - Codice univoco per la fatturazione elettronica: HKPE39 - CF 80099830152

Personale Docente e ATA – Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale anno scolastico 2016/17

Scadenza 15 marzo 2016. Indicazioni e modalità.

Prot. n. MIUR AOOUSPMI R.U.n. 2026 del 22 febbraio 2016

 

 

Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di ogni ordine e grado
 di Milano e provincia

 

 

 

Oggetto: Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per l’anno scolastico 2016 -17  personale docente e ATA di ogni ordine e grado di scuola.

 

 

Entro il 15 marzo 2016, scadenza fissata dalla C.M. n. 55 del 13 febbraio 1998, devono essere prodotte dal  personale docente e ATA a tempo indeterminato, le istanze di trasformazione del rapporto di lavoro da:

 

  • tempo pieno a tempo parziale;
  • modifica delle ore settimanali;
  • rientro dal tempo parziale al tempo pieno.

 

Il tempo parziale ha la durata, di norma, di   due anni scolastici per un numero di ore settimanali almeno del 50%.

 

Al termine dei due anni non è necessaria alcuna richiesta di proroga se si decide di proseguire il rapporto di lavoro part time. Invece il ritorno al tempo pieno va esplicitamente richiesto.

 

Le precitate domande dovranno essere acquisite al SIDI ( area: Personale comparto scuola – Gestione posizioni di stato – Trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale ) direttamente dalle Istituzioni Scolastiche di titolarità o di servizio.

Le domande di rientro a tempo pieno e/o di modifica del contratto sono acquisite dall’U.S.T..

 

Copie delle domande dovranno essere trasmesse all’UST, per il tramite del Dirigente Scolastico con il parere favorevole (art. 73 D.L. n° 112/08 convertito in legge n° 133/08) entro il 01 aprile 2016. Eventuali pareri negativi devono essere espressi con una dettagliata e motivata dichiarazione, al fine di tutelare la posizione dell’Amministrazione in caso di eventuale contenzioso conseguente al diniego.

 

Gli originali delle domande dovranno essere trattenuti dalle istituzioni scolastiche per la successiva stipula del contratto individuale di lavoro a tempo parziale che, si ricorda, potranno avvenire solo previa pubblicazione da parte dello scrivente ufficio dell’elenco nominativo del personale docente e ATA autorizzati per l’a.s. 2016/17.

 

I Dirigenti Scolastici, già delegati a stipulare i relativi contratti, sono invitati a trasmetterne una copia allo scrivente ufficio.

 

 

Successivamente alla stipula le scuole provvederanno:

  • ad inviare i contratti alla Ragioneria Territoriale dello Stato per la registrazione;
  • ad inviare copia dei contratti alla scuola di titolarità se diversa da quella di servizio;
  • ad inviare copia dei contratti a questo UST- Ufficio Pensioni (per i docenti in quiescenza) e

Ufficio reclutamento, organici e mobilità del rispettivo ordine e grado di scuola.

 

A tal fine si richiamano le novità introdotte dalla circolare della Funzione Pubblica n° 9 del 30 giugno 2011, per la migliore tutela dell’interessato e dell’amministrazione.

 

La novità più rilevante è che di fronte ad una istanza del lavoratore, l’amministrazione non ha l’obbligo di accoglierla, né la trasformazione avviene in modo automatico. Infatti, la disposizione prevede che la trasformazione “può” essere concessa entro 60 giorni dalla domanda (v. par. 2 della circolare).

 

Secondo la Circolare n. 9 in presenza del posto nel contingente (25% dei titolari della classe di concorso) il dipendente è titolare di un interesse tutelato alla trasformazione del rapporto, fermo restando la valutazione dell’amministrazione relativamente alla congruità del regime orario e alla collocazione temporale della prestazione lavorativa proposti.

 

La valutazione discrezionale dell’amministrazione può negare la trasformazione del rapporto di lavoro quando dall’accoglimento della stessa deriverebbe un pregiudizio alla funzionalità complessiva della scuola.

In caso di esito negativo, le motivazioni e le ragioni devono essere chiaramente dichiarate all’interessato, per permettergli eventualmente di ripresentare nuova istanza con diverse modalità.

 

 

Il Dirigente
Marco Bussetti

 

 

Allegati:

Modello_A_PT16_17
Titolo: Modello_A_PT16_17 (0 click)
Etichetta:
Filename: modello_a_pt16_17.doc
Dimensione: 31 kB
Modello_B_Rientro_16_17
Titolo: Modello_B_Rientro_16_17 (0 click)
Etichetta:
Filename: modello_b_rientro_16_17.doc
Dimensione: 29 kB
Modello_C_Dichiarazione_16_17
Titolo: Modello_C_Dichiarazione_16_17 (0 click)
Etichetta:
Filename: modello_c_dichiarazione_16_17.doc
Dimensione: 31 kB

 

 

MB/CP

 

 

Il Coordinatore d’Area
Pace Carmela
Tel. 02.92891575
Email: carmela.pace.mi@istruzione.it 

____________________________________________________
Referenti

Scuola dell’ Infanzia e Scuola Primaria
Angela De Pari Tel. 02.92891533
Email:  angela.depari.mi@istruzione.it
Carmela Miro
Tel. 02.92891534
Email:  carmela.miro.mi@istruzione.it
Portaluri Lucrezia Maria
Tel. 02.92891535
Email: lucreziamaria.portaluri@istruzione.it

Scuole secondarie I e II grado
Renzulli Gerarda
Tel. 02.92891564
Email: gerarda.renzulli.mi@istruzione.it

Personale A.T.A.
 Filomena Galdi Tel. 02.92891578
Email:  filomena.galdi.mi@istruzione.it
Rosa Buscaino
Tel. 0292891545
Emal: rosa.buscaino@istruzione.it

 

 

  • Condividi questo post su Facebook

Direzione regionale e altri ambiti territoriali (link esterni)

VICremona

VIILecco

VIIILodi

IXMantova