Navigazione veloce

Ambito Territoriale di Mantova - via Cocastelli, 15 - 46100 Mantova
PEC uspmn@postacert.istruzione.it - Email usp.mn@istruzione.it - iPA: m_pi - Codice AOO: AOOUSPMN
Codice Univoco per la Fatturazione Elettronica: HKPE39 - centralino tel. 0376 227 200 - CF 80019600206

Cessazioni dal servizio
a decorrere dal 1° settembre 2011

Pensionamenti dal 1° settembre 2011

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ufficio XVI – Mantova

Prot. n° 1080/c2a-b MIUR AOO USPMN R.U. del 9 febbraio 2011

Ai dirigenti scolastici
delle scuole e istituti di ogni ordine e grado
e.p.c.
alle OO. SS. della Scuola e ai Patronati
Al sito U. S. T.

Oggetto: D.M. n. 99 del 28 dicembre 2010 e C.M. n. 100 del 29 dicembre 2010.
Cessazioni dal servizio a decorrere dal 1° settembre 2011.
Trattamento di quiescenza – Indicazioni operative

In riferimento alle disposizioni di cui all’oggetto, nel richiamare l’attenzione sulla prossima scadenza del termine dell’11/02/2011 per la presentazione ed inserimento, da parte di tutto il personale di ruolo del comparto scuola, esclusivamente tramite la procedura web Polis “istanze on line” delle domande e/o revoca di dimissioni volontarie, comprese quelle contestuali alla richiesta del part-time, di cessazione anticipata rispetto la data finale prevista da una proroga concessa precedentemente, si forniscono di seguito alcune istruzioni operative.
Immediatamente dopo l’11/02/11, le istituzioni scolastiche di titolarità invieranno a questo Ufficio Territoriale tempestivamente, e comunque non oltre il 21/02/2011, la copia delle istanze e/o delle revoche suddette ovvero la stampa del modello prodotto con la procedura Polis, attestante l’avvenuto inserimento o cancellazione in caso di revoca.

Questo Ufficio provvederà all’inserimento al SIDI per convalida delle cessazioni o alla cancellazione in caso di revoca entro la fine di febbraio ’11. Al riguardo, si raccomanda la massima puntualità, al fine di acquisire in tempo utile gli effetti in organico di diritto.

Anche le eventuali domande la cui presentazione è prevista in forma cartacea direttamente alla scuola di servizio: richieste di pensionamento del personale scolastico non di ruolo, compresi gli incaricati di religione, dovranno pervenire allo scrivente Ufficio, corredate della relativa documentazione di rito, entro il medesimo termine del 20/02/2011.
Al riguardo del suddetto personale, si segnala la precisazione contenuta nella nota operativa INPDAP n. 56 del 22/12/2010 p. 4. 1. che prevede per il personale scolastico a tempo determinato l’applicazione delle disposizioni vigenti in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici previsti per la generalità dei lavoratori, in considerazione che la risoluzione del rapporto di lavoro è predeterminata in fase di conferimento dell’incarico. Pertanto, nella fattispecie l’accesso al pensionamento, sia di vecchiaia che di anzianità, è riconosciuto decorsi 12 mesi dalla maturazione dei prescritti requisiti.
L’accertamento dei requisiti per il diritto a pensione rientra nella competenza di questo U.S.T. che, pertanto, comunicherà agli interessati, tramite la scuola di titolarità, entro il 31/03/11, l’eventuale mancata maturazione dei medesimi requisiti. Gli interessati avranno facoltà di ritirare la domanda di cessazione entro 5 giorni dalla notifica della predetta comunicazione. L’U. S. T . provvederà ad annullare la cessazione già inserita a SIDI.
Si ricorda che la revoca delle istanze di cessazione dopo l’11 febbraio è consentita solo nel caso in cui non ricorra il diritto a pensione.
Domande di trattenimento in servizio oltre il 65° anno di età – Applicazione art. 72 comma 7 Legge 133/08.
Le richieste di trattenimento in servizio sono oggetto di valutazione discrezionale da parte dell’Amministrazione che dovrà essere attenta e rigorosa, in considerazione del fatto che l’art.9 comma 31 del D.L. 78/10 convertito in L. 122/2010 ha equiparato i trattenimenti in servizio per un biennio oltre i 65 anni a nuove assunzioni. Ciò premesso, viene ribadita la validità anche per il prossimo anno scolastico dei criteri stabiliti dalla Direttiva Min. n. 94 del 04/12/2009.
La C.M. n. 100 del 29/12/2010 contiene alcune importanti precisazioni ed invita ad una puntuale e motivata applicazione dei criteri di valutazione della su indicata Direttiva.
Potranno essere accolte dai Dirigenti Scolastici solo le istanze prodotte dal personale in possesso di una anzianità contributiva inferiore a 40 anni al 31/08/2011 e non appartenente a classi di concorso o profili in esubero, anche con riguardo alla prevedibile evoluzione degli organici per l’a. s. 2011/12. Dovrà, altresì, essere tenuta in considerazione l’esperienza professionale acquisita dal richiedente.
Pertanto le SS.LL. provvederanno al formale accoglimento o diniego motivato delle suddette istanze di permanenza in servizio, utilizzando l’apposito modello predisposto da questo ufficio e trasmesso in allegato alla circ. prot. n. 1198 A2a del 15/02/2010, successivamente alla ricezione di apposita comunicazione dello scrivente relativamente alla anzianità pensionabile maturata e all’eventuale situazione di esubero, fermo restando l’autonoma valutazione delle SS.LL. medesime circa l’esperienza professionale maturata dal dipendente.
Tale comunicazione dovrà essere notificata all’interessato e inviata copia all’ Ufficio Pensioni.
Risoluzione del rapporto di lavoro al compimento del 40° anno di contribuzione – Applicazione art. 72 comma 11 Legge 133/08.
È confermata la Direttiva n. 94 del 04/12/2009 anche per quanto riguarda il collocamento a riposo d’ufficio al compimento dei 40 anni di anzianità contributiva. Tale anzianità deve essere pienamente raggiunta entro il 31/08/2011. Questa situazione riguarda anche coloro che si trovano in posizione di pensione (40 anni) più part-time.
La C.M. n. 100 del 29/12/2010 fornisce delle precisazioni in relazione ad alcuni aspetti: i periodi di riscatto si computano solo in presenza di provvedimenti già accettati; per il personale a part- time si dovrà tenere conto del raggiungimento della misura massima di pensione corrispondente.
Si fa presente che la risoluzione forzosa del rapporto di lavoro per il raggiungimento dell’anzianità contributiva i 40 anni non è soggetta ad alcuna valutazione discrezionale da parte del Dirigente Scolastico e si applica anche in assenza di esubero del personale.
Inoltre, si richiama il contenuto della nota operativa della Direz. Gen. per il Personale del MIUR prot. n. 657 del 27/01/2011, pubblicata sul sito Internet e Intranet del Ministero, che precisa che nel caso di maturazione dello scatto stipendiale entro il 31/12/2012 da parte di coloro che raggiungono il 40° anno contributivo entro il 31/08/2011, può essere concesso, a richiesta, il differimento di un anno del collocamento a riposo( cessazione al 01/09/2012).
Infine si ricorda che il termine entro il quale il Dirigente Scolastico dovrà notificare il preavviso all’interessato è il 28/02/2011, al quale dovrà seguire l’emissione del decreto di risoluzione del rapporto di lavoro motivato per le cessazioni con decorrenza 01/09/2011, da inviare alla ragioneria provinciale per il visto di regolarità. Il modello di preavviso e di decreto, la cui copia dovrà essere subito inoltrata a questo Ufficio, sono stati trasmessi in allegato alla Circ. prot. n. 1198 A2a del 15/02/2010.
Cessazione Dirigenti Scolastici dal 01/09/2011
Dimissioni
L’art. 12 c.2 del CCNL sottoscritto il 15/07/2010 fissa al 28 febbraio il termine di presentazione delle domande di dimissioni. Dette istanze devono essere presentate in forma cartacea e devono pervenire allo scrivente ufficio in virtù della delega di funzioni dell’USR di cui al decreto n. 17352 del 28/10/2010 e inviate solo per conoscenza alla Direzione Regionale.
Recesso del Dirigente: avviene a domanda da presentarsi con preavviso.
Ai dirigenti, in caso di recesso, non si applica l’art. 59 c. 9 della Legge 449/97, laddove consente la maturazione dei requisiti pensionistici entro il 31 dicembre dell’anno di cessazione per accedere al pensionamento al 1° settembre.
Cessazione per Limiti di età
La risoluzione del rapporto di lavoro avviene d’ufficio al compimento del 65° anno di età su comunicazione dell’Ufficio Scolastico Regionale, tranne i casi in cui sia stata valutata positivamente la richiesta di trattenimento in servizio, secondo i criteri della direttiva MIUR n.94/2009.
La risoluzione opera, altresì, automaticamente nel caso di scadenza di proroga.
Adempimenti per la liquidazione del trattamento pensionistico
Al fine di agevolare la tempestiva predisposizione dei prospetti informativi per la pensione e dei progetti di liquidazione della buonuscita si invitano le SS.LL. a trasmettere dopo l’11/02/2011 il più presto possibile la documentazione cartacea necessaria.
Per i suddetti documenti di rito si fa riferimento all’elenco e alla modulistica allegata alla Circolare di questo Ufficio prot. n. 17314 del 23/12/2009.

Ad integrazione della compilazione del modello per i compensi accessori, si prega di inviare copia del provvedimento di attribuzione delle ore eccedenti, nei casi per i quali sono state pagate.
Infine, si raccomanda di aggiornare la progressione economica del personale in cessazione, intervenendo nelle aree ricostruzione di carriera del SIDI.
Nel ringraziare per la collaborazione, si rimane a disposizione per ogni eventuale chiarimento in merito.

per il dirigente
Giuseppe Petralia

il direttore-coordinatore
Lorisa Vilotta

LV/
Responsabile del procedimento
Lorisa Vilotta – Ufficio Stato giuridico
trattamento pensionistico personale scuole
Telefono 0376 227 240
E mail lorisa.vilotta.mn@ istruzione.it
fax 0376 32 79 72

Direzione Regionale e altri Ambiti territoriali (link esterni)