Navigazione veloce

Ambito Territoriale di Mantova - via Cocastelli, 15 - 46100 Mantova
PEC uspmn@postacert.istruzione.it - Email usp.mn@istruzione.it - iPA: m_pi - Codice AOO: AOOUSPMN
Codice Univoco per la Fatturazione Elettronica: HKPE39 - centralino tel. 0376 227 200 - CF 80019600206

Avviso pubblico Indicazioni Nazionali 2012 DD 940 – Progetti

La scadenza per le candidature progettuali delle scuole del primo ciclo o delle loro reti, utilizzando l’allegata scheda-progetto, è sabato 10 ottobre 2015.

Direzione Generale
via Pola, 11 – 20124 Milano – Codice Ipa: m_p
Posta Elettronica Certificata: drlo@postacert.istruzione.it

Prot. n° MIUR AOODRLO 1270
Milano, 25 settembre 2015

Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali della Lombardia
Ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche statali del primo ciclo d’istruzione della Lombardia
Ai componenti dello Staff regionale
Ai Referenti provinciali delle Indicazioni 2012
Al Sito

AVVISO PUBBLICO

IL DIRETTORE GENERALE

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275 (Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell’art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59);

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89 (Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell’articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133);

VISTO il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 16 novembre 2012, n. 254 (Regolamento recante indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione, a norma dell’articolo 1, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89);

VISTO la Circolare del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 13 febbraio 2015, n. 3, avente a oggetto “Adozione sperimentale dei nuovi modelli di certificazione di competenze nel primo ciclo di istruzione”;

VISTO il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 16 giugno 2015, n. 435 (ex 440) recante i “Criteri e parametri per l’assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche, nonché per la determinazione delle misure nazionali relative la missione Istruzione scolastica, a valere sul Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche” e, in particolare l’art. 28, che prevede la destinazione di un finanziamento di € 500.000,00 (cinquecentomila) ai progetti presentati da scuole del primo ciclo o loro reti, al fine di favorire il passaggio dall’adozione sperimentale all’adozione generalizzata dei modelli nazionali di certificazione delle competenze;

VISTO il Decreto Dipartimentale n. 940 del 15 settembre 2015;

VISTA la Circolare Ministeriale n.8630 del 18 settembre 2015 avente ad oggetto l’assegnazione finanziamenti di cui all’art. 28 del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca n.435 del 2015 (ex legge 440/1997) alle istituzioni scolastiche del primo ciclo per iniziative di formazione relative alla certificazione delle competenze. Procedure e scadenze di cui al decreto prot. 940 del 15/9/2015.;

RILEVATA la necessità di dare avvio alla selezione ed al finanziamento dei progetti previsti dal Decreto Ministeriale n. 435/15;

RENDE NOTO

Art. 1

Oggetto

L’avvio della procedura, ai sensi dell’art. 28 del DM 435 del 16 giugno 2015e del DD 940/15, per la selezione delle candidature progettuali presentate dalle istituzioni scolastiche del primo ciclo o loro reti al fine di completare il percorso di accompagnamento delle istituzioni scolastiche all’applicazione delle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione di cui al DM 254 del 2012.

Art.2

Destinatari

Sono destinatarie del finanziamento le istituzioni scolastiche del primo ciclo della Lombardia o loro Reti, costituite da un massimo di cinque istituzioni scolastiche, che presentino una proposta progettuale di ricerca – formazione come di seguito specificato.

 

Art. 3

Finalità dei progetti

Al fine di consentire il passaggio a regime del suddetto modello sperimentale di certificazione delle competenze, le candidature progettuali dovranno essere finalizzate alla generalizzazione della sperimentazione in materia di certificazione delle competenze per garantire l’approfondimento delle tematiche connesse all’adozione del modello sperimentale di certificazione delle competenze da parte un ampio numero di scuole.

Nella proposta di candidatura risulta necessario dichiarare divolersi impegnare a sostenere, secondo le indicazioni dello staff regionale, le azioni di informazione e formazione attraverso, ad esempio:

– seminari di informazione, eventi;

– incontri tematici su aspetti significativi della certificazione della competenze;

– sistemi di documentazione, reporting, diffusione;

– azioni di secondo livello per tutor, formatori, ricercatori..

 

Art.4

Requisiti minimi e specifiche dei progetti

Saranno prese in esame le candidature progettuali che risultino essere adeguate e coerenti con le specifiche indicate nel DD n. 940/15 e che prevedano in particolare:

– azioni di ricerca e formazione, eventualmente anche a distanza;

– documentazione sulle competenze di base e sulle didattiche per competenze, con una particolare attenzione agli strumenti di rilevazione delle competenze e alla dimensione comunicativa e informativa nei confronti dei genitori.

 

Art.5

Presentazione dei progetti

Le candidature progettuali, utilizzando l’allegata scheda-progetto, dovranno pervenire – entro le ore 23.59 di sabato 10 ottobre 2015- all’indirizzo PEC dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia: drlo@postacert.istruzione.it. Il file del progetto e l’oggetto dell’email dovranno riportare la medesima dicitura: TITOLOPROGETTO/DD940/IN2015. Le schede inviate in formato digitale non dovranno essere spedite anche in formato cartaceo per posta ordinaria allo scrivente Ufficio, ma dovranno essere sottoscritte dal Dirigente Scolastico, dal DSGA, protocollate in uscita e conservate negli archivi dell’istituzione scolastica a disposizione per eventuali verifiche.

Art. 6

Cause di esclusione

I progetti presentati fuori termine oppure inviati in forma cartacea saranno esclusi dalla selezione.

Art. 7

Cause di inammissibilità

I progetti privi dei requisiti minimi oppure non coerenti con i criteri indicati nel presente Avviso e nella normativa in esso richiamata saranno considerati inammissibili.

 

Art. 8

Valutazione dei progetti ed entità dei finanziamenti

Le candidature saranno valutate da un’apposita Commissione regionale, nominata dal Direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e composta da personale dipendente in servizio presso lo stesso Ufficio, dotato di specifica professionalità nelle materie oggetto dei progetti.

La predetta Commissione valuterà i progetti attribuendo un punteggio nel limite massimo di 100 punti e nel rispetto dei seguenti criteri:

a) Aderenza dei progetti agli obiettivi nazionali, con particolare riferimento al concreto utilizzo del modello nazionale nella pratica valutativa delle scuole (massimo 30 punti);

b) Sviluppo dei moduli didattici per competenze (massimo 30 punti);

c) Attenzione dedicata al coinvolgimento dei genitori (massimo 30 punti);

d) Qualità, innovatività e fruibilità del progetto, delle attività e delle metodologie proposte, che le istituzioni o loro reti si impegnano a realizzare nell’ambito del progetto, nonché dei materiali eventualmente prodotti, che rimangono di proprietà dell’Amministrazione (massimo 10 punti).

Art.9

Entità del finanziamento

Il finanziamento totale per la Lombardia, come indicato nella tabella allegato A del D.D. 940/2015, è pari ad euro 65.273,20 di cui 55.482,92 da destinare alle attività di ricerca – formazione delle scuole o Reti.

A ciascun progetto positivamente valutato sarà assegnata una somma non inferiore a € 2.000,00 (duemila) e non superiore a € 4.000,00 (quattromila) e sarà garantito il finanziamento di almeno un progetto per ogni provincia.

Art.10

Monitoraggio

Ai sensi dell’art. 39 del DM 435 del 2015, l’Ufficio Scolastico Regionale effettuerà, a decorrere dall’anno 2016, un monitoraggio con cadenza semestrale dell’andamento e delle ricadute delle progettualità, predisponendo un rapporto sintetico sulle attività e, per ciascun progetto, un report sulla base di unformat trasmesso dall’Amministrazione centrale, al fine di raccogliere dati e informazioni utili per confermare o correggere le attività progettuali poste in essere dalle istituzioni scolastiche o loro reti.

Art.11

Erogazione dei finanziamenti e rendicontazione

Si rimanda a quanto stabilito dagli artt. 9 e 10 del D.D. 940 del 15 settembre 2015.

 

Il direttore generale
Delia Campanelli

Allegati

RP/il
Isabella Lovino
isabella.lovino@istruzione.it
02 574 627 318

AT - Aree

Direzione regionale e altri ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

IXMilano