Navigazione veloce

Ambito Territoriale di Mantova - via Cocastelli, 15 - 46100 Mantova
PEC uspmn@postacert.istruzione.it - Email usp.mn@istruzione.it - iPA: m_pi - Codice AOO: AOOUSPMN
Codice Univoco per la Fatturazione Elettronica: HKPE39 - centralino tel. 0376 227 200 - CF 80019600206

Ampliamento offerta formativa e quesito sulla quota di autonomia prevista dal DPR 275/1999

Chiarimenti sulla possibilità di ampliare l’offerta formativa da parte delle scuole secondarie di II grado.

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Ambito Territoriale di Mantova

Prot. AOOUSPMN n° 7028
del 3 novembre 2014

Alla dirigente del Liceo Scientifico “Belfiore” di Mantova

p.c. All’USR Lombardia – Ufficio VI Personale scuola

p.c. Ai dirigenti scolastici degli istituti
di II grado della provincia di Mantova

p.c. Ai sindacati scuola territoriali

Oggetto: Ampliamento offerta formativa e quesito quota autonomia prevista dal DPR 275/1999.

Si fa riferimento alla nota 3958 del 20 ottobre 2014, con la quale codesta dirigenza chiede di conoscere l’orientamento di questo Ufficio scolastico territoriale in merito alla possibilità di proseguire con l’ampliamento dell’offerta formativa e inserimento nel curricolo di una seconda lingua straniera (tedesco) attraverso la quota del 20% di flessibilità prevista dall’autonomia.
Al riguardo, si ribadisce quanto già esposto in sede di determinazione degli organici di questo a.s. 2014-15 e cioè:

  1. Dall’a.s. 2010-11, a seguito dell’emanazione del Regolamento di riordino dei Licei DPR 15 marzo 2010 n° 89, sono stati rideterminati gli orari annuali delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti frequentanti il percorso del Liceo scientifico e dell’ opzione liceo scientifico scienze applicate (cfr. art.8 e quadri orari allegato F al Regolamento).
    Il riordino è andato a regime con l’a.s. 2014-15 e ha interessato tutte e cinque le classi.
  2. Dalla medesima data, a partire dalle classi prime, i percorsi liceali del pregresso ordinamento con le relative sperimentazioni confluiscono nei nuovi percorsi previsti dal Regolamento sopraccitato.
  3. La seconda lingua straniera non rientra negli insegnamenti obbligatori del liceo scientifico, né può essere utilizzata la quota di autonomia per inserire – di fatto – una nuova materia (la seconda lingua) e quindi una nuova sperimentazione, abrogata dal nuovo ordinamento.
  4. La quota di flessibilità prevista dall’autonomia è limitata infatti alle materie obbligatorie indicate nei quadri orari allegati al Regolamento, e si concretizza attraverso una compensazione fra le diverse discipline (vedi art. 12 DPR 275/1999) e “non attraverso la sostituzione integrale delle singole discipline” (vedi circolare 34/2014 Istituti II grado, paragrafo c) quota riservata all’autonomia).
  5. In termini operativi, nel Portale SIDI è prevista un’apposita funzione in “Determinazione Organico di diritto”, con convalida esclusiva da parte dell’UST, per l’acquisizione delle ore in meno su una classe di concorso (conosciuta al sistema perché obbligatoria) e corrispondenti ore in più su altra classe di concorso (pure obbligatoria), tenuto conto delle proposte delle singole istituzioni scolastiche e della fattibilità delle proposte medesime.
    La fattibilità è in relazione alla condizione provinciale – e non solo di singola scuola – della classe di concorso che ha il decremento orario, in quanto non può verificarsi che il decremento “penalizzi” una materia, già a rischio di tenuta di assorbimento nell’organico, con previsioni di esubero dei titolari a livello provinciale.

Poiché il quesito posto dalla dirigente del Liceo scientifico “Belfiore” di Mantova è di interesse comune, si ritiene opportuno estendere la presente risposta a tutte le istituzioni scolastiche di II grado della provincia.

Classi e Lingue:

Si coglie l’occasione per ribadire che “nelle classi prime ove non è previsto come obbligatorio l’insegnamento dell’inglese non è consentito formare classi prime con gruppi di alunni che studino lingue straniere diverse;
in tal caso la lingua prescelta sarà quella indicata dal POF della scuola, tenendo anche conto delle richieste espresse in modo prevalente dall’utenza.
L’offerta dell’insegnamento della lingua straniera (ovviamente se non si tratta dell’inglese obbligatorio) deve tener conto della presenza di titolari nella scuola…, non deve comportare la trasformazione di cattedre interne in cattedre esterne…, deve considerare che non vi siano nella provincia docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato in attesa di sede definitiva o in soprannumero e comunque non si determino situazioni di soprannumerarietà“ (CM 34/2014).

Licei indirizzo Linguistico LI04:

Si richiama l’attenzione dei dirigenti scolastici dei licei Linguistici LI04, con materie obbligatorie la seconda e terza lingua straniera per ciascuna classe, di costituire le classi derivanti dalle iscrizioni a.s. 2015-16 con seconda e terza lingua per le quali sono presenti titolari nella scuola e successivamente di considerare quanto sopra già scritto.

Cordiali saluti.

Il dirigente r.
Patrizia Graziani

Responsabile procedimento:
Giacomina Farina
tel. 0376 227 245
Email giacomina.farina.mn@istruzone.it

AT - Aree

Direzione regionale e altri ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

IXMilano