Navigazione veloce

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR Lombardia - via Pola, 11 - 20124 - Milano - Tel. 02 574 627 1 - Codice Ipa: m_pi - PEC drlo@postacert.istruzione.it - E-mail: direzione-lombardia@istruzione.it - Codice AOO: AOODRLO - Codice per la fatturazione elettronica: HKPE39 per la contabilità generale, S068C6 per quella ordinaria - CF 97254200153

Precisazioni in merito all’articolo pubblicato su La Repubblica martedì 24 maggio 2011

Precisazioni del direttore generale, Giuseppe Colosio, in merito all’articolo All’elementare il tempo pieno lo dovranno pagare le famiglie.

Comunicato stampa del 24 maggio 2011 (pdf, 29 kb)

Comunicato stampa

Precisazioni in merito all’articolo pubblicato su “La Repubblica”
martedì 24 maggio 2011

In merito all’articolo “All’elementare il tempo pieno lo dovranno pagare le famiglie”, apparso sulle colonne de “La Repubblica” oggi, martedì 24 maggio 2011, si precisa quanto segue:

  1. attualmente si è conclusa solamente la prima fase delle procedure di assegnazione dei docenti alle scuole primarie per l’anno scolastico 2011/2012, consistente nella determinazione dell’organico di diritto e nella mobilità del personale di ruolo;
  2. l’organico di diritto assegnato alla scuola primaria “Tolstoj” consente la copertura del tempo scuola per 19 classi a 40 ore (tempo pieno, comprendente le attività didattiche e la mensa) e 2 classi a 27 ore (tempo normale, comprendente le sole attività didattiche);
  3. entro il mese di luglio dovrà essere definita la successiva fase di adeguamento dell’organico alla situazione di fatto, con l’attribuzione di ulteriori risorse alle scuole per far fronte alle effettive necessità di funzionamento;
  4. la dotazione complessiva della scuola primaria “Tolstoj”, includendo le risorse necessarie per l’insegnamento della religione cattolica e della lingua inglese, nonché per soddisfare eventuali esigenze sopravvenute, sarà certamente superiore a quello attualmente determinato, consentendo verosimilmente anche la copertura del tempo mensa nelle 2 classi funzionanti a tempo normale;
  5. in questo contesto, appare destituita di ogni fondamento sia la notizia in sé, sia la quantificazione dell’onere economico che graverebbe sulle famiglie.

È inevitabile osservare che l’approccio sensazionalistico di talune testate giornalistiche non solo corre il rischio di non rappresentare correttamente la realtà dei fatti, ma fa sorgere nelle famiglie preoccupazioni e allarmismi immotivati. Come è accaduto poco più di un anno fa, quando è apparso un articolo che preannunciava, con toni assolutamente catastrofistici, la fine delle attività pomeridiane per gli alunni della scuola primaria milanese; la notizia, ovviamente, era destituita di qualsivoglia fondamento.

Il direttore generale
Giuseppe Colosio

Milano, 24 maggio 2011

  • Condividi questo post su Facebook

Ambiti territoriali (link esterni)

VIILecco

VIIILodi

IXMantova

XMilano